Squinzi: con Monti austerità fine a se stessa, debito è salito

10 Giugno 2013, di Redazione Wall Street Italia

ROMA (WSI) – Il governo Monti ha compromesso il mercato interno “attenendosi ai dettami di’austerità fine a se stessa” nell’intento di ridurre il rapporto debito/Pil “senza peraltro riuscirci”.Questa la dura critica del presidente Giorgio Squinzi all’operato del precedente esecutivo, durante l’intervento all’assemblea di Assolombarda, presente lo stesso Mario Monti.

“Accettando la vulgata monetarista – ha detto Squinzi – abbiamo finito con compromettere il mercato interno, attenendoci ai dettami di un’austerità fine a stessa e accettando di ridurre il rapporto debito/Pil asetticamente, senza una logica economica che accompagnasse questa scelta”.

Tentativo comunque fallito, perchè “quando si è insediato il governo Monti il rapporto debito/Pil era al 117, adesso siamo a 127 e le proiezioni di quest’anno ci portano almeno al 132”.

L’Italia, prosegue Squinzi ha eretto la bandiera dell’austerità “per recuperare credibilità, abbiamo dimostrato di saper fare sacrifici, di essere un grande Paese europeo, che nell’Europa crede e che all’Unione ha dato tanto”.

Ma, avverte, “se il rigorismo e l’austerità mettono in ginocchio la tenuta sociale e il patrimonio delle nostre imprese costruito in decenni e generazioni di duro lavoro affinchè altri possano fare shopping portandosi a casa i nostri pezzi migliori a prezzi di saldo, la soluzione si trasforma in problema e dobbiamo dire di no”.

Squinzi si scaglia anche contro “la rigidità assoluta della barriera al 3%” del deficit/Pil, “un limite che a oggi non si può sforare”. (Rainews)