Soros finanzia un secondo referendum sulla Brexit

30 Maggio 2018, di Alessandra Caparello

LONDRA (WSI) – Non smette mai di stupire il finanziere 87enne George Soros che ha donato più di 700mila sterline alla campagna Best for Britain istituita da Gina Miller per sostenere la battaglia politica dei pro-Remain e lanciare un secondo referendum sulla Brexit.

Secondo il finanziere ungherese la prospettiva del divorzio prolungato del Regno Unito da Bruxelles potrebbe aiutare a persuadere il pubblico britannico con un “margine convincente” sul fatto che l’ appartenenza all’UE sia nel loro interesse.

Da qui l’appoggio al gruppo Best for Britain, istituito l’anno scorso e che l’8 giugno dovrebbe pubblicare il suo manifesto chiedendo un secondo referendum.

Parlando a Parigi, l’87enne ha avvertito che l’UE è in una crisi esistenziale e ha aggiunto:

“La Brexit è un esempio di disintegrazione territoriale, “un processo estremamente annoso per entrambe le parti.  La maggior parte dei danni si sente in questo momento, quando l’Unione europea è in una crisi esistenziale, ma la sua attenzione è distolta dal negoziare un accordo di separazione con la Gran Bretagna. Si tratta di una proposta persa, ma che potrebbe essere trasformata in una situazione vantaggiosa per tutti (…) Il divorzio sarà un processo lungo, probabilmente impiegherà più di cinque anni. Cinque anni sono un’eternità in politica, specialmente in tempi rivoluzionari come il presente. Alla fine, spetta al popolo britannico decidere cosa vogliono fare. Sarebbe meglio, tuttavia, se arrivassero a una decisione prima piuttosto che dopo. Questo è l’obiettivo di un’iniziativa chiamata Best for Britain, che appoggio (…) Il popolo inglese deve esprimere il proprio sostegno con un margine convincente per essere preso sul serio dall’Europa. Best for Britain punta a coinvolgere l’elettorato e Pubblicherà il suo manifesto nei prossimi giorni.