Sondaggi politici: gli operai scelgono M5S

8 Febbraio 2017, di Mariangela Tessa

Se si votasse oggi, il 39% degli operai italiani darebbe il proprio voto al M5S. E’ uno dei risultati più eclatanti dell’ultimo sondaggio di Ipsos, l’istituto demoscopico di Nando Pagnoncelli, pubblicato sul Corriere.it, che evidenzia il sorpasso dei pentastellati sulla Lega e il Partito democratico fermi nelle scelte di questa categoria, rispettivamente, al 20% e al 19,1%. Per Forza Italia il 12,1% e per FdI il 3,1% (altre liste 6,6%). I pentastellati si confermano primi anche nelle scelte di artigiani, disoccupati e studenti.

“Non mi stupisco del consenso del M5s nelle fabbriche, perché da molti anni il voto operaio non va più in maggioranza alle forze della sinistra pur nelle sue varie versioni” ha commentato il leader della FIOM Maurizio Landini nel corso di una intervista al Corriere della Sera. 

Landini ricorda poi che “in un passato recente il voto operaio ha premiato anche Lega Nord e Forza Italia” e conferma che “girando per le fabbriche il consenso per i 5 Stelle è palpabile”.

Difficile  individuare una responsabilità univoca, ma per il segretario della FIOM il problema è da ricercarsi nella perdita di centralità della politica stessa:

“Una volta le questioni del lavoro determinavano l’orientamento di partiti e persone, oggi si è smarrita l’idea che la politica serva a mediare tra capitale e lavoro. Ci si schiera per l’immigrazione, per la trasparenza della politica o per la corruzione, e conta il sentimento di chi si sente abbandonato”.

Dunque la scelta degli operai si concentra su Grillo (“un voto contro la nomenklatura”) oppure si traduce in astensionismo.

“Da un questionario che abbiamo distribuito tra i nostri iscritti, è emerso che il 90% di loro non è iscritto ai partiti”.