Sondaggi: avanza solo il M5S, che si riavvicina al PD spaccato sull’Italicum

28 Aprile 2015, di Redazione Wall Street Italia

ROMA (WSI) – Avanza solo il MoVimento 5 Stelle negli ultimi sondaggi sulle preferenze degli italiani, consolidando il secondo posto quando manca poco più di un mese alle elezioni regionali.

Dalle intenzioni di voto risultato del sondaggio di EMG presentato dal TG di La 7 emerge un calo del PD (al 34,5% dal 35,2%) e della Lega Nord (terzo partito al 15,5%). Il movimento di Grillo e Casaleggio ha registato un miglioramento del +1,4% dal 20 al 28 aprile, attestandosi al 22,5%.

Forza Italia resta ancorata ai minimi storici (12,1%), mentre i partiti di destra e sinistra Fratelli d’Italia (4,8%) e Sel (4,2%) superano la soglia di sbarramento del 3% fissata dall’Italicum, la nuova legge elettorale.

L’alleanza Nuovo Centro Destra-UDC si ferma al 2,9%.

Il centro sinistra otterrebbe la maggioranza con il 39,8%, in vantaggio di 4 punti e mezzo sul centro destra. Diminuisce anche se minimamente la quota di elettori che si asterrebbe dal voto (40,7%) mentre gli indecisi raggiungo il 17,9%.

Alle elezioni regionali, dove sono sette le regioni interessate, salvo sorprese, Emilia, Umbria e Toscana dovrebbero andare ai candidati di centro sinistra, così come le Marche, dove la lotta è però più agguerrita. Aperta la partita in Liguria.

In Veneto Alessandra Moretti del PD cercherà di spodestare il governatore uscente Zaia (Lega Nord), mentre nelle altre regioni del Sud, Campania e Puglia i due governatori uscenti – Caldoro del centro destra (+3 punti) e Michele Emiliano del PD (+10) dovrebbero ottenere la conferma.

(DaC)