“Se Regno Unito lascia Ue non cambia nulla”

14 Gennaio 2013, di Redazione Wall Street Italia

ROMA (WSI) – Da Oltremanica lui, il cancelliere dello scacchiere, George Osborne, ha messo un punto fermo. “L’Unione europea deve cambiare perché la Gran Bretagna possa continuare a mantenere la sua adesione“, ha raccontato in un’intervista al quotidiano tedesco Die Welt, auspicando che lo strappo non si consumi.

Detto questo, secondo il giornalista economico per l’Europa del Financial Times, Wolfgang Munchau, anche se lo strappo si dovesse consumare le cose non cambierebbero molto.

Munchau fa notare infatti che Londra ha abbandonato l’Unione europea vent’anni fa, quando John Major negoziò i benefici che il Paese avrebbe ottenuto dal suo ingresso nell’Unione monetaria. Negli anni’90 Tony Blair confermò quanto fatto dal suo predecessore. “Dal momento che non si sentono parte della zona euro, né probabilmente mai lo diventeranno davvero realmente, gli inglesi si domandano qual sia oggi il punto”, osserva Munchau.

“In termini macroeconomici – prosegue – l’adesione all’Unione europea è praticamente irrilevante per uno Stato membro, che ha una sua identità e che non è di fatto nella zona euro”. “Il libero scambio e la libera circolazione dei capitali continueranno con qualsiasi scenario immaginabile”, chiosa il giornalista inglese. Ma anche se ci si sposta un livello inferiore – a livello di singoli settori, tra cui la finanza – l’epilogo cui arriva Munchau è lo stesso.

Nel corso degli ultimi dieci anni l’Unione europea ha dovuto per lo più affrontare le conseguenze istituzionali della crisi della zona euro: oggi deve ancora capire come approfondire l’integrazione fra gli Stati membri e cambiare i trattati europei per rendere tutto questo possibile, sta discutendo sull’unione e sulla vigilanza bancaria.

Come dire: cosa si lascia davvero alle spalle il Regno Unito lasciandola? “Gli Stati membri faranno anche parte di un’unione doganale, ma in fondo è un mercato incompiuto che aspira ad essere un progetto unico, che si è arrestato molto tempo prima di essere stato completato”. La Gran Bretagna può quindi essere in grado di mantenere alcuni di questi vantaggi, anche se deciderà di giocare da outsider.