San Marino sull’orlo del crac: buco da 900 milioni

20 Novembre 2017, di Alessandra Caparello

Dissesto finanziario per San Marino che deve fare i conti con un buco di bilancio da quasi 1 miliardo. Una situazione incandescente che ha portato il neo eletto dg della banca centrale sammarinese Raffaele Capuano a rassegnare le sue dimissioni.

Il motivo? “Mancanza di certezze giuridiche dopo la perquisizione domiciliare dell’abitazione messa a mia disposizione dalla banca avvenuta in mia assenza e senza la mia autorizzazione”, così si legge sella missiva. Le consorterie locali e l’intreccio familiaristico che per decenni ha scandito la politica del Titano hanno creato una bomba ad orologeria pronta a scoppiare.

Tutto parte dal buco di 900 milioni registrato a fine 2016 nel sistema creditizio in cui figurano la Cassa di Risparmio di San Marino, costretta a fare rettifiche sugli attivi per oltre 500 milioni: 400 milioni sono crediti del gruppo Delta (la società di credito al consumo legata alla Cassa) riclassificati a zero, Asset Banca con un deficit di capitale superiore a 60 milioni e perdite totali passate e previste per più di 160 milioni e Banca CIS in cerca di 50 milioni per coprire le sofferenze.  In sostanza a fine 2016 le perdite del sistema bancario erano pari a circa 900 milioni di euro a fronte di un Pil locale che non arriva al miliardo e mezzo. Con la conseguenza che se risparmiatori e pensionati decidessero di chiudere i conti, le banche andrebbero rapidamente in debito di liquidità e il paese sull’orlo del fallimento.

Ad aprire il vaso di Pandora dei disastri nel credito sammarinese era stato l’ex dg della banca centrale Lorenzo Savorelli poi dimessosi e ora anche l’improvviso addio di Capuano non fa ben sperare, emblema di una situazione ormai al collasso.

Il piano di San Marino, come scrive Il Messaggero, per risanare la situazione è pressochè disarmante.

“Ripianare i debiti di Asset e Cassa in trent’anni e nel frattempo ai depositanti offrire bond di Stato non negoziabili e quindi di valore incerto. Quasi a dire: cari concittadini, scordatevi di rivedere a breve i vostri risparmi”.