S&P: recessione sta finendo, Pil Italia +0,5% in 2014

18 Settembre 2013, di Redazione Wall Street Italia

ROMA (WSI) – Dopo “la recessione più lunga da 40 anni” a questa parte, in Europa si sta finalmente delineando una ripresa, anche in Italia che seppure con più debolezza vedrà il Pil tornare a crescere dal prossimo anno. Nelle sue ultime previsioni economiche sull’area euro, l’agenzia di rating Standard & Poor’s indica un meno 1,9 per cento sul Pil italiano 2013, cui seguirà un più 0,5 per cento nel 2014 e un più 0,9 per cento nel 2015.

“In Europa, la recessione più lunga da 40 anni potrebbe aver segnato una svolta nel secondo trimestre”, si legge. Sull’area euro il Pil registrerà un meno 0,7 per cento quest’anno, un più 0,8 per cento nel 2014 e un più 1,3 per cento nel 2015.

Ripresa o meno resterà però stridente il problema dell’elevata disoccupazione: secondo le stime di S&P si attesterà al 12,4 per cento quest’anno nell’area euro, al 12,6 per cento nel 2014 e al 12,2 per cento nel 2015.

In Italia la disoccupazione sarà del 12,2 per cento quest’anno, raggiungerà il 12,5 per cento nel 2014 e si modererà al 12 per cento nel 2015. Sempre secondo l’agenzia, in questo contesto la Bce non effettuerà aumenti sui tassi di interesse fino a tutto il 2014. (TMNEWS)