Risparmio gestito: ad aprile raccolta netta per 5 miliardi

27 Maggio 2021, di Luca Losito

Fondi comuni e Intesa Sanpaolo sono stati i grandi protagonisti del mese di aprile nel risparmio gestito tricolore.
A certificarlo sono i dati pubblicati da Assogestioni, da cui emerge la crescita del patrimonio dei fondi aperti arrivati alla cifra record di 1.184 miliardi e il posizionamento al primo posto del Gruppo Intesa Sanpaolo tra gli operatori del settore con 521,7 miliardi di patrimonio.

Il risparmio gestito ad aprile è stato dunque come dicevamo nel segno dei fondi aperti: con oltre 4 mld di euro di sottoscrizioni nette hanno contribuito in misura determinante alla raccolta dell’industria che ha raggiunto nel mese complessivamente i 5 miliardi grazie anche all’apporto dei mandati (+804 mln). Da inizio anno il settore ha richiamato circa 35 miliardi di euro di nuovi flussi.

Tra i fondi comuni, la raccolta ad aprile si è concentrata in particolare sui prodotti bilanciati (+2,3 mld) e sugli azionari (+1,9 mld), seguiti dagli obbligazionari (+484 mln) e dai monetari (+447 mln).
Numeri che certificano ancora una volta la ripartenza a pieno regime del settore.

Il balzo di Intesa e del patrimonio dei fondi

Sempre dalle rilevazioni a cura di Assogestioni, poi, emerge che nel mese di aprile 2021 il Gruppo Intesa Sanpaolo, attraverso le sue società di asset management Eurizon, Fideuram Investimenti AM e Pramerica, si è collocato al primo posto nella classifica di Assogestioni per quanto riguarda il risparmio gestito in Italia, con 521,7 miliardi di euro di patrimonio, a fronte di una raccolta netta per il mese di 655,6 milioni di euro.

L’altro dato importante emerso dal report è il nuovo record storico per gli asset investiti nei fondi comuni, che sono arrivati a sfiorare i 1.184 mld. Il patrimonio gestito dall’industria italiana del risparmio gestito si è attestato a 2.459 mld.