Regno Unito fuori dall’Ue. Verso un mondo orwelliano?

22 Gennaio 2013, di Redazione Wall Street Italia

ROMA (WSI) – Il premier inglese David Cameron sembra deciso a rinegoziare i rapporti con Bruxelles e si parla anche della possibilità di un referendum per votare l’uscita definitiva di Londra dall’Unione Europea.

Questa ipotesi non è così remota come si possa pensare, perché da sempre il
Regno Unito è stato un’ostacolo per la maggiore integrazione degli stati europei e probabilmente una sua uscita gioverebbe sia agli inglesi che così si crederebbero più liberi, sia alle istituzioni europee che potrebbero più facilmente condurre il lungo processo di cessione delle sovranità nazionali agli organismi comunitari.

Inoltre si potrà anche ipotizzare l’eventuale secessione della Scozia (referendum per l’indipendenza nel 2014) ed eventuale entrata della stessa nell’UE.

Adesso forse è prematuro parlarne, ma vedo delle analogie curiose con il mondo descritto da Orwell in 1984. In questo libro il nostro pianeta era diviso in tre superpotenze sempre in guerra tra loro: Estasia, Eurasia e Oceania.

Eurasia comprendeva l’Europa, la Russia e la Turchia; l’Estasia, Cina, India e gli altri paesi estremo orientali; l’Oceania, Inghilterra, Americhe, Sudafrica e Oceania.

Se come prevedo io, l’Inghilterra uscirà dall’Unione, essa potrebbe in seguito formare una nuova alleanza economica e politica più stretta con i paesi del Commonwealth e con gli Usa, con il mondo anglosassone insomma, quindi una sorta di Oceania orwelliana ad eccezione del Sud America che allo stato attuale non è vicino ai Britannici.

L’Eurasia invece è già quasi stata creata e probabilmente si compirà quando l’Unione Europea avrà annesso tutti i paesi dell’Europa geografica che ancora non ne fanno parte e si sarà in qualche modo integrata con la Russia da cui dipende energeticamente e da cui, secondo un personalissimo parere, dipenderà in futuro anche dal punto di vista economico.

L’Estasia già esiste, è la Cina che da sola con 1,5 miliardi di persone potrebbe rappresentare la Superpotenza orwelliana, ma in futuro potremmo sicuramente assistere anche ad una maggiore integrazione economica tra i paesi dell’ASEAN, Cina e India e così la creazione di un vero blocco orientale indipendente.

Ovviamente non si riprodurrà il mondo orwelliano con gli stessi precisi confini e con gli stessi nomi, ma guardando in prospettiva, l’eventuale abbandono dell’Inghilterra dall’Unione Europea mi fa pensare, che forse Orwell ci aveva visto lungo.

E’ sicuramente un’ipotesi azzardata e dovuta certamente ad una coincidenza, ma sembra effettivamente che stiamo procedendo in questa direzione. E come nel mondo orwelliano, il Medio Oriente e il Nord Africa sono le terre dove si combattono le guerre e dove tutti i più recenti conflitti sono ambientati (Afghanistan, Iraq, Libia, Palestina, Libano, Siria, Mali, Algeria, Iran?). Curiosa coincidenza, forse Orwell prevedeva il futuro…

Il contenuto di questo articolo, pubblicato da Hescaton – che ringraziamo – esprime il pensiero dell’ autore e non necessariamente rappresenta la linea editoriale di Wall Street Italia, che rimane autonoma e indipendente.

Copyright © Hescaton. All rights reserved