Professore Harvard: “Cina al centro della prossima grande crisi”

25 Gennaio 2018, di Alessandra Caparello

DAVOS (WSI) – La Cina sarà al centro della prossima crisi finanziaria globale. Non ha dubbi Kenneth Rogoff, professore di Politica Pubblica all’Università di Harvard, intervenuto a Davos nel corso del 48esimo World Economic Forum.

Kenneth Rogoff è uno stimato conoscitore delle crisi finanziarie e  insieme al suo collega Carmen Reinhart, il professore dell’ Università di Harvard, è autore di “This Time Is Different: Eight C Centries of Financial Folly”, uno degli studi più importanti sulla crisi finanziaria del 2008 e il suo impatto sull’economia e la società. Qual è la più grande lezione che arriva quasi dieci anni dopo il traumatico crollo della banca d’ investimento Lehman Brothers? In che modo questa crisi è stata diversa da altri grandi shock nella storia della finanza? Soprattutto: Cosa c’è da fare per l’economia globale? Queste alcune delle domande poste a Rogoff nel corso di un intervento a Davos.

“Nella mia ricerca con Carmen Reinhart abbiamo scoperto che dopo una profonda crisi finanziaria sistemica, l’economia ha spesso bisogno di otto o dieci anni per riprendersi. Ora, è passato un decennio e penso che ci troviamo in un periodo di ripresa in cui ci sarà una certa inversione di tendenza in termini di crescita della produttività. Ciò significa che per diversi anni, con la normalizzazione dell’economia, la crescita della produttività sarà superiore alla media e l’aumento degli investimenti.(….) La cosa più importante ora è che gli investimenti continuino a crescere. (…) Questa è stata la crisi finanziaria più grave dalla Grande Depressione, quando alcuni paesi hanno vissuto una crisi molto grave. In questo contesto, la lentezza della ripresa in Europa è significativa. Ad esempio, la crisi finanziaria greca si colloca di gran lunga tra le prime 15 peggiori crisi finanziarie degli ultimi cento anni. (…)  Inoltre, la crisi che l’Italia, la Spagna, il Portogallo e l’Irlanda hanno vissuto si è adattata alle centinaia di crisi finanziarie più gravi mai registrate”.

Ma la grande preoccupazione per l’economia globale, dice il professore, è la Cina.

“Nutro grande rispetto per le autorità cinesi, che stanno lavorando sodo per non avere una crisi finanziaria. Inoltre, in Cina la crisi sarà diversa perché non esiste una vera e propria società privata. Le garanzie statali si sono quindi attivate molto più rapidamente di quanto non lo siano nell’economia occidentale. Tuttavia, al momento penso ancora che questa sia la regione più fragile del mondo. Il grande problema è che l’economia cinese è ancora molto squilibrata, facendo troppo affidamento sugli investimenti e sulle esportazioni. Inoltre, la Cina dipende molto dal credito. Quindi, se la Cina dovesse imbattersi in difficoltà finanziarie o semplicemente sperimentare un rallentamento del tasso di crescita del credito, potrebbe avere molti problemi. E se la Cina dovesse imbattersi in una propria crisi finanziaria, probabilmente produrrebbe una crisi di crescita che potrebbe generare una crisi politica”.