Primo atterraggio nella storia su una cometa. La bandiera da piantare stavolta sarà italiana

20 Gennaio 2014, di Redazione Wall Street Italia

ROMA (WSI) – La sonda dell’Esa (Agenzia spaziale europea) “Rosetta” è il primo veicolo spaziale della storia destinato, dopo un viaggio di 10 anni, ad atterrare con il suo lander “Philae” su una cometa, la Churyumov-Gerasimenko, a 430 milioni di Km dalla Terra, per studiarla da vicino.

È una pietra miliare per l’esplorazione spaziale, come il primo volo di Gagarin o lo sbarco sulla Luna, ma questa volta la bandiera da piantare sarà italiana.

Amalia Ercoli Finzi, del Politecnico di Milano, è la scienziata che ha ideato lo strumento destinato a trapanare la cometa.

“In tutta la missione la presenza dell’Italia è importantissima – ha spiegato a TM News – l’Italia ha concepito e finanziato diversi strumenti ma quello che scende sulla cometa è uno solo: l’Sd2 realizzato dal Politecnico di Milano e da Selex-Galileo e concepito per entrare nel cuore della cometa”.

Il trapano perforerà il nucleo fino a 20 cm di profondità e analizzerà i frammenti, scaldandoli in fornetti grandi come fusibili, a una temperatura tra i 120 e gli 800 gradi, alla ricerca di molecole di carbonio, i mattoni della vita. Avverrà nell’autunno del 2014; dopo che “Rosetta” avrà individuato il punto migliore per l’atterraggio, il lander “Philae” si ancorerà al suolo e inizierà a bucare.

“Non abbiamo per ora alcuna idea – ha concluso la prof.ssa Finzi – della consistenza del nucleo della cometa e quindi abbiamo esplorato un ampio spettro di possibilità per riuscire a trapanare la cometa”.

Rosetta è stata lanciata il 2 marzo 2004 e dopo alcuni passaggi ravvicinati a Marte e alla Terra per sfruttarne l’effetto fionda è entrata in una sorta di letargo cosmico.

L’Asi (Agenzia spaziale italiana), ha contribuito a realizzare gli strumenti “Giada”, “Virtis” e “Osiris” che mapperanno e analizzeranno superficie e coda della cometa.

I nomi “Rosetta” e “Philae” derivano dalla stele e dall’obelisco che permisero di decifrare i geroglifici egizi. Allo stesso modo la sonda dell’Esa e i suoi strumenti riveleranno i segreti del sistema solare. (TMNEWS)