Ipsos: Poste è la società quotata italiana più influente

3 Ottobre 2019, di Alberto Battaglia

Poste Italiane è la società quotata tricolore capace di esercitare la più grande influenza in termini di fiducia, coinvolgimento, innovazione, impegno sociale e presenza: lo ha rivelato l’edizione 2019 del rapporto Ipsos “The Most Influential Brands 2019”.
Su scala globale, la società guidata da Matteo Del Fante ha scalato dieci posizioni rispetto all’anno scorso, portandosi al 23esimo posto della classifica generale. Il sondaggio, che ha raggiunto 4.550 italiani, si è concentrato in particolar modo sul tema della responsabilità sociale d’impresa analizzando tutte le iniziative promosse dalle aziende per perseguire obiettivi etici.

“La posizione conquistata da Poste Italiane conferma il giudizio positivo della clientela, su cui si basa lo studio, e testimonia l’impegno e i progressi dell’azienda che per la prima volta ha messo nero su bianco nel primo Bilancio integrato di Gruppo i risultati raggiunti in termini di sostenibilità”, ha comunicato l’azienda controllata da Cdp in una nota.
“Questi risultati sono il frutto dell’esecuzione del Piano industriale Deliver 2022”, che stabilisce nuovi obiettivi in termini di sostenibilità per la società. Nell’ambito di Deliver 2022 oggi è stato firmato un accordo che porterà all’azienda 400 milioni di finanziamenti da parte della Banca europea per gli investimenti (Bei).

Lo stesso piano, che prevede lo sviluppo di attività sostenibili a livello ambientale, sociale e di governance, ha permesso l’accesso di Poste Italiane nel Dow Jones Sustainability World Index (DJSI) e nel più selettivo Europe Dow Jones Sustainability Index, gli indici che valutano le aziende per le loro prestazioni in ambito Esg e per fattori come il governo societario, la gestione dei rischi, il contributo alla mitigazione dei cambiamenti climatici, gli standard della catena logistica, i processi produttivi, il risk management, le procedure anticorruzione e la gestione della catena di fornitura.