Più risparmio e salute, come il Covid ha cambiato il rapporto con il denaro

24 Maggio 2021, di Mariangela Tessa

Meno focalizzati sull’accumulo di ricchezza e i risparmio, più concentrati sulla salute. La pandemia ha cambiato il rapporto degli americani con i soldi. Lo mette in in evidenza un sondaggio condotto dalla società di gestione patrimoniale Boston Private su 400 investitori, intitolato Why of Wealth”, da cui emerge che se da un lato tasse e per spese impreviste creano sempre grattacapi, i rischi per la salute, in particolare quelle relative al COVID-19, sono in cima alla lista delle preoccupazioni.

Circa il 60% degli intervistati ha affermato che la pandemia li ha indotti a considerare in un’ottica diversa la propria percezione della ricchezza, anche se c’è un’enorme disparità generazionale. Chi ha messo in discussione le precedenti convinzioni sono soprattutto i millennial (78%) e i membri della generazione X (73%). Una percentuale molto ridotta invece riguarda i baby boomer (26%).

“I partecipanti al nostro sondaggio non definiscono necessariamente la ricchezza come l’accumulo di capitale finanziario”, ha affermato Gerald Baker, capo del Center for Wealth Planning Excellence presso Boston Private. “Il COVID li ha davvero costretti a ridefinire cosa significa godersi la vita e che cosa vuol dire avere successo”.

Attenzione, per gli americani una grande componente del successo resta ancora accumulare ricchezza e il risparmio, ma non più solo per aumentare il capitale finanziario. Piuttosto per investirli e realizzare qualcosa, anche per gli altri.

Se nel 2018, il 65% degli intervistati riteneva la ricchezza componente decisivo per la tranquillità, nel 2021 quella percentuale è scesa al 53%. La metà degli intervistati ha equiparato la ricchezza alla felicità, 4 punti percentuali in meno rispetto al 2018. Scende anche al 40% (dal 50%) la percentuale di chi equipara la ricchezza al successo.

Risparmio, cresce la percentuale di chi accumula

Un cambio di prospettiva sul concetto di ricchezza è stato evidenziato anche dal sondaggio annuale di Charles Schwab condotto su mille intervistati negli Stati Uniti. Tra i risultati principali, l’indicatore per essere considerati ricchi è sceso di $ 700.000: gli intervistati hanno affermato che avere $ 1,9 milioni li farebbe sentire ricchi, rispetto ai $ 2,6 milioni di un anno fa.

Il numero di persone che si sono identificate come risparmiatori è balzato all’80% dal 64% nello stesso periodo. La quantità di denaro necessaria per la “felicità finanziaria” è scesa a $ 1,1 milioni da $ 1,75 milioni, e l’importo necessario per essere finanziariamente confortevole è sceso a $ 624.000 da $ 934.000.

“Quello che abbiamo imparato dal sondaggio è che sempre più americani stanno riorientando le loro priorità sulle loro relazioni e salute“, ha detto Rob Williams, vice presidente della pianificazione finanziaria di Charles Schwab. “L’importo per sentirsi finanziariamente a proprio agio è diminuito, ma ciò è in gran parte dovuto a una rifocalizzazione delle priorità su ciò che il denaro può e non può fare per te”.