Pinto (J.P. Morgan): “Recessione molto probabile”

25 Ottobre 2022, di Gianmarco Carriol

Il presidente di J.P. Morgan Daniel Pinto ha ricordi vividi di come è la vita quando un paese perde il controllo dellinflazione. Da bambino cresciuto in Argentina, Pinto, 59 anni, ha affermato che l’inflazione era spesso così alta che i prezzi di cibo e altri beni aumentavano su base oraria. I lavoratori potevano perdere il 20% del loro stipendio se non si affrettassero a convertire la loro busta paga in dollari Usa:

“I supermercati avevano eserciti di persone che usavano macchine per rietichettare i prodotti, a volte da 10 a 15 volte al giorno. Alla fine della giornata, dovevano rimuovere tutte le etichette e ricominciare da capo il giorno successivo”.

Ora, dopo aver iniettato nell’economia trilioni di dollari a sostegno di famiglie e imprese nel 2020, la Federal Reserve è alle prese con l’inflazione ai massimi da quattro decenni, la banca sta aumentando i tassi e sospendendo i suoi programmi di acquisto di debito. Le mosse hanno fatto crollare azioni e obbligazioni quest’anno, mentre un dollaro in aumento complica le battaglie di altre nazioni con l’inflazione.

La Fed continuerà a essere aggressiva

Mentre c’è un coro crescente di voci che affermano che la Federal Reserve dovrebbe rallentare o fermare i suoi aumenti dei tassi tra alcuni segni di moderazione dei prezzi, Pinto non è dello stesso parere.

“Quando la gente dice, ‘La Fed è troppo aggressiva’, non sono d’accordo”, ha detto Pinto, che è diventato l’unico presidente e direttore operativo di J.P. Morgan all’inizio di quest’anno, consolidando il suo status di luogotenente e potenziale successore del ceo Jamie Dimon. “Penso che rimettere l’inflazione in una scatola sia molto importante”, ha detto. “Se provoca una recessione leggermente più profonda per un periodo di tempo, questo è il prezzo che dobbiamo pagare”.

La Fed non può permettere che l’inflazione diventi radicata nell’economia, secondo l’esecutivo. Un ritorno prematuro a una politica monetaria più accomodante rischia di ripetere gli errori degli anni ’70 e ’80, ha affermato.

Il tasso sui fed funds probabilmente raggiungerà un picco intorno al 5%; che, insieme a un aumento della disoccupazione, probabilmente ridurrà l’inflazione, ha affermato Pinto. Il tasso è attualmente compreso tra il 3% e il 3,25%.

I mercati non hanno toccato il fondo per J.P. Morgan

Come hanno affermato di recente una serie di altri dirigenti, tra cui Dimon e il ceo di Goldman Sachs, David Solomon, gli Stati Uniti devono affrontare una recessione. L’unica domanda è quanto grave sarà il rallentamento. Ciò, ovviamente, si riflette sui mercati che Pinto osserva quotidianamente. “Abbiamo a che fare con un mercato che sta valutando la probabilità di una recessione e quanto sarà profonda”, ha affermato Pinto.

La situazione economica di quest’anno è stata diversa dalle altre nella storia recente; a parte il boom degli aumenti dei prezzi di beni e servizi, gli utili societari sono stati relativamente resistenti, confondendo gli investitori alla ricerca di segnali di rallentamento. Ma le stime dei profitti non sono scese abbastanza da riflettere ciò che sta arrivando, secondo Pinto, e ciò potrebbe significare che il mercato può ancora scendere ampiamente. A suo avviso:

″Non abbiamo ancora visto il fondo del mercato. Se si pensa agli utili aziendali in arrivo il prossimo anno, le aspettative potrebbero essere ancora troppo elevate; i multipli in alcuni mercati azionari, incluso l’S&P, sono probabilmente un po’ alti″ .

Criptovalute ancora poco rilevanti per J. P. Morgan

L’era post-crisi finanziaria ha dato vita anche a nuove forme di moneta digitale: le criptovalute, tra cui il Bitcoin. Mentre J.P. Morgan e rivali tra cui Morgan Stanley
e altri hanno consentito ai clienti di gestione patrimoniale di ottenere un’esposizione alle criptovalute, secondo Pinto sembrano esserci pochi progressi di recente in termini di adozione istituzionale. E ha concluso:

“La realtà è che l’attuale forma di criptovaluta è diventata una piccola classe di asset che è in qualche modo irrilevante nello schema delle cose. Ma la tecnologia, i concetti, qualcosa probabilmente accadrà lì; solo non nella sua forma attuale”.