Pimco: rendimenti T-bond potrebbero finire sotto zero. E la colpa non è delle banche centrali

7 Agosto 2019, di Mariangela Tessa

I titoli del Tesoro Usa potrebbero presto far parte dei circa 15 mila miliardi di dollari di debito pubblico (dati Deutsche Bank) che, al momento, offrono rendimenti negativi, ovvero che non permettono agli investitori di recuperare i loro investimenti originali.  È quanto scrive Joachim Fels, consulente economico globale del colosso di gestione Pimco.

Secondo Fels, l’escalation delle tensioni commerciali tra Stati Uniti e Cina potrebbe rappresentare la scintilla che spingerà i rendimenti dei Treasury sotto zero.

“Se le tensioni commerciali continuano ad aumentare, i mercati obbligazionari potrebbero muoversi in quella direzione più velocemente di quanto molti investitori pensino”, ha avvertito Fels.

La dinamica dei rendimenti negativi sul mercato si è moltiplicata dopo oltre un decennio di  politica monetaria intesa a ridurre l’inflazione ostinatamente bassa e la crescita anemica in Europa e in alcune parti dell’Asia. Tuttavia, Fels afferma che le banche centrali non sono “i cattivi”  ma le vittime di driver fondamentali più profondi.

“I due driver secolari più importanti sono la demografia e la tecnologia. L’aumento dell’aspettativa di vita aumenta il risparmio desiderato mentre le nuove tecnologie che fanno risparmiare capitale e stanno diventando più economiche. L’eccesso di risparmio che ne deriva tende a spingere il tasso di interesse “naturale” sempre più in basso “, ha scritto Fels, secondo cui la nuova normalità sembrano essere i tassi negativi.

Oggi, l’avversione al rischio sta spingendo al ribasso i rendimenti dei Treasury, con quello del decennale che sta subendo un forte calo arrivando a rompere al ribasso la soglia 1,630% dall’1,740% di ieri.