Più considerazione per i rischi ambientali da parte delle aziende, secondo una nuova inchiesta

di Redazione Wall Street Italia
Pubblicato 3 Giugno 2008 • Aggiornato 14 Gennaio 2020 11:22

La pressione degli stakeholder, la complessità delle relazioni aziendali e i pericoli derivanti dai mutamenti climatici rappresentano i tre principali fattori che spingono le aziende a valutare più attentamente i rischi ambientali da affrontare, secondo quanto emerge da una nuova inchiesta EIU (Economist Intelligence Unit) cosponsorizzata da ACE Group of Companies (NYSE:ACE).

La maggioranza dei 320 risk manager intervistati a livello mondiale ha dichiarato di aver accresciuto il livello di attenzione e le risorse dedicate alla gestione dei rischi ambientali. Lo stesso studio, tuttavia, evidenzia anche come molte aziende si trovino ancora nella fase iniziale di questo processo e quanto raramente prendano in considerazione i rischi ambientali inerentemente a importanti attività strategiche.

Il testo originale del presente annuncio, redatto nella lingua di partenza, è la versione ufficiale che fa fede. Le traduzioni sono offerte unicamente per comodità del lettore e devono rinviare al testo in lingua originale, che è l’unico giuridicamente valido.

ACEContatto con i media:Katie Weeks, +44 (0) 207 173 [email protected] Russell, +44 (0) 207 173 [email protected]