Petrolio vicino ai massimi da tre settimane dopo i tagli dell’Opec

6 Ottobre 2022, di Gianmarco Carriol

I prezzi del petrolio sono rimasti vicino ai massimi di tre settimane giovedì dopo che l’OPEC+ ha concordato di restringere l’offerta globale di greggio con un accordo per tagliare gli obiettivi di produzione di 2 milioni di barili al giorno, la riduzione più grande dal 2020. I future sul greggio Brent hanno guadagnato lo 0,79% (al momento della stesura), a $ 94,07 al barile, dopo essersi stabilizzati dell’1,7% nella sessione precedente. I future sul greggio US West Texas Intermediate (WTI) sono saliti dello 0,74% (al momento della stesura), a $ 88,39, dopo aver chiuso mercoledì in rialzo dell’1,4%.

L’accordo tra l’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio (OPEC) e gli alleati tra cui la Russia, un gruppo noto collettivamente come OPEC+, anticipa un embargo dell’Unione europea sul petrolio russo e ridurrebbe le forniture in un mercato già ristretto, aumentando l’inflazione.

“Riteniamo che l’impatto sui prezzi delle misure annunciate sarà significativo”, ha affermato Jorge Leon, vicepresidente senior di Rystad Energy. “Entro dicembre di quest’anno il Brent raggiungerà oltre 100 dollari al barile, in aumento rispetto alla nostra precedente analisi di 89 dollari”.

Il ministro dell’Energia saudita Abdulaziz bin Salman ha affermato che il vero taglio dell’offerta sarebbe compreso tra 1 milione e 1,1 milioni di barili al giorno. La quota dell’Arabia Saudita del taglio è di circa 0,5 milioni di barili al giorno. Diversi membri dell’OPEC+ hanno lottato per produrre a livelli di quota a causa di investimenti insufficienti e sanzioni. L’amministrazione del presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha criticato l’accordo definendolo “avventato” e la Casa Bianca ha affermato che Biden continuerà a valutare se rilasciare ulteriori scorte strategiche di petrolio per abbassare i prezzi.

Il presidente americano inoltre ha detto che consulterà il Congresso su ulteriori percorsi per ridurre il controllo dell’OPEC e dei suoi alleati sui prezzi dell’energia, in un apparente riferimento a una legislazione che potrebbe esporre i membri del gruppo a cause antitrust.

“Questa riduzione delle quote è in qualche modo in contrasto con le scorte globali di petrolio greggio che sono già basse e per lo più ancora tendenti al ribasso”, ha affermato la banca statunitense Morgan Stanley. “Tuttavia, l’OPEC+ ha sottolineato la significativa incertezza sulla domanda di petrolio nel 2023, evidenziando le recenti brusche revisioni al ribasso delle previsioni del Pil e l’aumento delle probabilità di recessione”.

Separatamente mercoledì, il vice primo ministro russo Alexander Novak ha affermato che la Russia potrebbe tagliare la produzione di petrolio nel tentativo di compensare gli effetti dei massimali di prezzo imposti dall’Occidente sulle azioni di Mosca in Ucraina.

Anche il pareggio delle scorte di petrolio degli Stati Uniti la scorsa settimana ha sostenuto i prezzi. Le scorte di greggio sono diminuite di 1,4 milioni di barili a 429,2 milioni di barili nella settimana terminata il 30 settembre, ha affermato l’Energy Information Administration.

Nuove sanzioni dall’Europa sul petrolio russo

“Hanno capito tutti che con il tetto al prezzo del petrolio non ci sarà il tetto al prezzo della benzina?”, ha scritto l’ambasciata russa a Roma su Twitter, sottolineando come anche l’ultimo pacchetto di sanzioni che il Consiglio europeo ha varato non comporta un tetto al prezzo della benzina.

Leggendo la nota, si scopre come le nuove misure prevedono il divieto di fornitura di trasporto marittimo e assistenza tecnica, servizi di intermediazione, finanziamento o assistenza finanziaria relativi al trasporto marittimo verso Paesi terzi di petrolio greggio (da dicembre 2022) o di prodotti petroliferi (da febbraio 2023) originari o esportati dalla Russia. Un provvedimento che mira a ridurre i ricavi di Mosca dal greggio e che, magari, potrà contribuire alla stabilizzazione dei prezzi dell’energia.