Petrolio in salita per i timori sull’offerta mondiale

26 Ottobre 2022, di Gianmarco Carriol

I prezzi del petrolio sono aumentati di oltre 1 dollaro al barile a causa dei timori sull’offerta e dell’indebolimento del dollaro, anche se i dati sulle scorte statunitensi hanno limitato i guadagni.

I future sul greggio Brent per dicembre sono aumentati dell’2,29%, a 95,66 dollari al barile. I future sul greggio WTI per dicembre sono aumentati di 1,39 dollari, o 1,63%, a 86,71 dollari.

Un dollaro Usa più debole ha inviato un segnale rialzista, rendendo il petrolio più conveniente per i detentori di altre valute. I continui vincoli di fornitura hanno aggiunto ulteriore sostegno, con il capo dell’Agenzia internazionale per l’energia che ha evidenziato la “prima crisi energetica veramente globale”.

Il ceo di Saudi Aramco ha affermato che c’erano molte incertezze in vista del previsto embargo europeo sui prodotti grezzi e raffinati dalla Russia, aggiungendo che il petrolio russo sta ancora trovando acquirenti.

Martedì il ministro dell’energia saudita, il principe Abdulaziz bin Salman, ha avvertito che le scorte di energia sono utilizzate come meccanismo per manipolare i mercati. “I tagli alla produzione dell’Opec a partire da novembre e le nuove sanzioni dell’Ue sul petrolio russo da applicare da dicembre dovrebbero essere positive (per i prezzi)”, ha detto Stephen Innes, managing partner di SPI Asset Management.

Ma il supporto per i prezzi è stato limitato da un aumento di 4,5 milioni di barili delle scorte di greggio statunitensi nella settimana terminata il 21 ottobre, secondo fonti di mercato che citano i dati dell’American Petroleum Institute.

L’aumento delle scorte rafforza i timori di una recessione globale che taglierebbe la domanda, la cui debolezza è stata evidente anche nei dati sulle importazioni di petrolio in Cina.

Dell’ampio spread WTI-Brent nelle ultime sessioni, Innes ha aggiunto che gli acquirenti di WTI stanno aspettando ulteriori interventi da parte del presidente Usa Joe Biden in vista delle elezioni di medio termine negli Stati Uniti dell’8 novembre.

Biden ha annunciato la scorsa settimana un piano per svendere il resto di un rilascio record dalla riserva petrolifera di emergenza della nazione entro la fine dell’anno mentre cerca di tenere sotto controllo i prezzi della benzina. Nel frattempo Biden, di fronte alle critiche per l’elevata inflazione, ha avvertito che l’Arabia Saudita subirà delle conseguenze per l’allineamento con la Russia e per aver accettato di ridurre l’offerta di greggio.