Petrolio in calo: tocca il minimo da gennaio

7 Dicembre 2022, di Gianmarco Carriol

Il petrolio ha toccato i minimi dall’inizio dell’anno in un contesto di scambi molto volatili, dopo che i dati del governo statunitense hanno mostrato un aumento inaspettato delle scorte di carburante, alimentando i timori sulla domanda in un mercato già spaventato dall’incertezza dell’economia.

I futures del Brent per la consegna di febbraio sono scesi a $78,20 al barile, con una perdita del 1,45%. Il greggio statunitense è sceso del 1,9%, a $72,84 al barile. Durante la sessione, il Brent ha toccato il minimo dal 3 gennaio.

Le scorte statunitensi hanno registrato un aumento di 6,2 milioni di barili, secondo l’Energy Information Administration, superando di gran lunga le stime di un aumento di 2,2 milioni di barili. Le scorte di benzina sono aumentate di 5,3 milioni di barili contro le aspettative di un aumento di 2,7 milioni di barili.

L’aumento delle scorte di carburante ha compensato il calo di 5,2 milioni di barili delle scorte di greggio. Secondo le fonti di mercato, l’American Petroleum Institute ha riportato un calo delle scorte di greggio di circa 6,4 milioni di barili.

Per dare un po’ di sostegno ai prezzi, la Cina ha annunciato i cambiamenti più radicali al suo regime anti-COVID dall’inizio della pandemia, mentre la RIA ha citato il vice ministro degli Esteri russo che ha dichiarato che la Russia è preoccupata per l’accumulo di petroliere nello stretto del Bosforo.

Le importazioni di greggio della Cina a novembre sono aumentate del 12% rispetto all’anno precedente, raggiungendo il massimo degli ultimi 10 mesi.

I futures del Brent sono entrati in territorio di ipervenduto, mentre quelli del WTI vi si sono avvicinati. Il Brent è sceso sotto gli 80 dollari martedì per la seconda volta nel 2022 e ha annullato i guadagni dell’anno, che avevano portato i prezzi vicino al massimo storico di 147 dollari a marzo dopo l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia.

Nel frattempo, almeno 20 petroliere in coda al largo della Turchia rischiano di subire ulteriori ritardi per passare dai porti russi del Mar Nero al Mediterraneo, in quanto gli operatori fanno a gara per aderire alle nuove regole assicurative turche, aggiunte in vista di un tetto di prezzo del G7 sul petrolio russo.

La Russia, ha riferito mercoledì il quotidiano Vedomosti, sta valutando alcune opzioni, tra cui quella di vietare le vendite di petrolio ad alcuni Paesi per contrastare il tetto ai prezzi imposto dalle potenze occidentali. Tuttavia, gli avvertimenti delle grandi banche statunitensi su una probabile recessione l’anno prossimo hanno pesato.