Petrolio al ribasso a causa dei timori su rallentamento economia

19 Maggio 2022, di Gianmarco Carriol

Giovedì i prezzi del petrolio sono scesi a causa dei timori che i prezzi elevati del carburante possano danneggiare la crescita economica, ma un previsto allentamento delle restrizioni a Shanghai e una prospettiva ristretta dell’offerta hanno limitato le perdite.

I future sul greggio Brent per luglio sono scesi dello 0,7%,, dopo aver toccato il minimo della sessione di 105,75 dollari. I future sul greggio US West Texas Intermediate WTI per giugno sono scesi  dell’1,3%.

“Il crollo delle azioni guidate dal settore al dettaglio statunitense ha sollevato preoccupazioni sulla crescita e, di conseguenza, sulla domanda di combustibili”, ha affermato l’analista di Saxo Bank Ole Hansen.

I pesanti ribassi sui mercati azionari europei e asiatici hanno seguito il peggior giorno di Wall Street dalla metà del 2020, poiché i severi avvertimenti di alcuni dei più grandi rivenditori del mondo hanno sottolineato quanto sia forte l’inflazione.

Tuttavia, l’incombente possibilità di un divieto dell’Unione europea sulle importazioni di petrolio russo ha sostenuto i prezzi. Questo mese l’UE ha proposto un nuovo pacchetto di sanzioni contro la Russia per l’invasione dell’Ucraina. Ciò includerebbe un divieto totale delle importazioni di petrolio entro sei mesi, ma le misure non sono state ancora adottate, con l’Ungheria tra i critici più accesi del piano.

Il vice primo ministro russo Alexander Novak ha dichiarato giovedì che Mosca invierà qualsiasi petrolio rifiutato dai paesi europei in Asia e in altre regioni.

Novak ha affermato che la produzione di petrolio russa era inferiore di circa 1 milione di barili al giorno ad aprile, ma era aumentata da 200.000 a 300.000 a maggio con maggiori volumi che dovrebbero essere ripristinati il ​​mese prossimo.

Mercoledì, la Commissione europea ha presentato un piano da 210 miliardi di euro per l’Europa per porre fine alla sua dipendenza dai combustibili fossili russi entro il 2027 e per utilizzare il perno lontano da Mosca per accelerare la sua transizione verso l’energia verde.

Inoltre, le scorte di greggio statunitensi sono diminuite la scorsa settimana, un calo inaspettato, poiché le raffinerie hanno aumentato la produzione in risposta alle scorte di prodotti limitate e alle esportazioni quasi record che hanno costretto i prezzi del diesel e della benzina statunitensi a livelli record.

In Cina, gli investitori stanno osservando da vicino i piani per allentare il contenimento del coronavirus dal 1° giugno nella città di Shanghai, il che potrebbe portare a un rimbalzo della domanda di petrolio dal principale importatore di greggio mondiale.