Petrolio ai minimi di 2 settimane. La nostra analisi tecnica

1 Settembre 2022, di Gianmarco Carriol

Oggi i prezzi del petrolio sono scesi, arrivando al livello più basso in due settimane. La causa sono i continui timori di rallentamento della crescita globale e delle rinnovate restrizioni per il COVID-19 in Cina. I future sul greggio statunitense sono scesi del 2,70% a 87,13 dollari al barile, mentre il contratto Brent è sceso del 2,46% a 93,14 dollari.

“La domanda di petrolio del mondo occidentale, così come quella cinese, è stagnante, mentre le forniture si stanno espandendo in modo incrementale, in gran parte sulla scia del boom dello shale oil negli Stati Uniti”, hanno affermato gli analisti di Julius Baer.

I dati economici degli ultimi tempi tendono a indicare un rallentamento della crescita globale, probabilmente pesando sulla domanda di greggio con l’indebolimento dell’attività. L’attività manifatturiera nell’Eurozona è nuovamente diminuita il mese scorso, mentre il mercato del lavoro negli Stati Uniti sembra reggere, con dati che mostrano che il numero di americani che hanno presentato domanda di assicurazione contro la disoccupazione è inaspettatamente diminuito la scorsa settimana.

In Cina, il più grande importatore di greggio al mondo, il PMI manifatturiero Caixin,  un indicatore dell’attività manifatturiera del settore privato, il mese scorso è tornato in territorio di contrazione.

Allo stesso tempo, la città cinese di Chengdu, capitale della provincia del Sichuan e patria di 21 milioni di persone, è entrata in blocco, poiché le autorità del Paese hanno continuato la loro politica COVID Zero.

Sebbene Chengdu non sia economicamente importante come Shanghai, che è stata chiusa all’inizio dell’anno, è comunque un importante centro industriale. Volvo ha dichiarato che il suo stabilimento sarà chiuso temporaneamente e probabilmente ne seguiranno altri.

In aggiunta a ciò, i tassi di interesse sono destinati a salire ulteriormente in Europa e negli Stati Uniti, mentre le banche centrali tentano di frenare l’impennata dell’inflazione, al probabile costo di un’ulteriore crescita economica.

Per quanto riguarda l’offerta, la probabilità che gli Stati Uniti accettino la revoca delle sanzioni sulle esportazioni di greggio iraniano con la firma dell’Iran Nuclear Deal, sembra aumentare.

Washington era impegnata in colloqui con Israele sull’accordo, a cui Gerusalemme è fortemente contraria, discussioni che non sarebbero necessarie se l’amministrazione statunitense fosse contraria a un accordo, come affermato su Reuters da diversi analisti.

La prossima settimana si terrà l’ultimo incontro dell’Organizzazione dei Paesi Esportatori di Petrolio (Opec) e dei suoi alleati per discutere i livelli di produzione.

L’Arabia Saudita, il leader de facto del gruppo, ha lanciato l’opzione di un taglio della produzione la scorsa settimana, dicendo che i future e i mercati fisici si erano disconnessi, ma ci si aspetta ancora che i membri mantengano la produzione stabile con prezzi ancora non lontani dai $ 100 al barile.

Analisi tecnica del petrolio Brent

Grafico giornaliero Petrolio Brent - Tradingview

Come possiamo osservare nel grafico giornaliero, dopo aver fallito nel correggere sopra il livello a 100 dollari e aver formato un nuovo range di consolidamento nell’area 103,50 – 100,00, il prezzo ha rotto al ribasso e al momento poggia sull’ultimo minimo in zona 94,70. Se il livello non dovesse reggere alla pressione ribassista, potrebbe continuare a scendere fino alla zona a 91,50. Successivamente, il mercato potrebbe riprendere a negoziare al rialzo con il target a 105, o addirittura estendere questa struttura fino a 120,50.