Pensione: ora il cedolino si può ricevere via email

10 Febbraio 2021, di Mariangela Tessa

Per consultare il cedolino mensile della pensione non sarà più necessario a collegarsi sul sito dell’INPS ma sarà possibile riceverlo via email.

Lo ha comunicato l’INPS, spiegando che a partire dal 4 febbraio 2021 è attivo un nuovo servizio che consente ai pensionati di poter ricevere il cedolino della pensione e la Certificazione Unica direttamente al proprio indirizzo di posta elettronica:

“all’interno dell’Area MyINPS, per coloro che accedono tramite le proprie credenziali SPID – Sistema Pubblico di Identità Digitale o CIE – Carta d’Identità Elettronica o CNS – Carta Nazionale dei Servizi, è presente un avviso con le indicazioni utili per l’attivazione della nuova funzionalità”.

Pensione: cedolino online, le funzioni

Chi preferisce continuare ad accedere tramite l’apposito servizio di lettura online, continuerà a visualizzare anche le informazioni a corredo: oltre all’importo dei trattamenti liquidati ogni mese (anche da Mobile), il servizio permette di conoscere le ragioni per cui tale importo può variare, accedere ad altri servizi di consultazione, certificazione e variazione dati.

Tra le principali funzionalità sono elencate di seguito:

  • cedolino pensione
  • ultimo cedolino
  • confronta cedolino
  • visualizza cedolini
  • visualizza elenco prospetti di liquidazione (Modelli TE08)
  • elenco deleghe sindacali
  • gestione deleghe sindacali su trattamenti pensionistici
  • comunicazioni
  • dettaglio recapiti
  • modifica dati personali
  • riepilogo dati anagrafici
  • riepilogo dati anagrafici e di pagamento
  • informazioni Posta Elettronica Certificata
  • variazione ufficio pagatore
  • visualizzazione e modifica dati anagrafici, indirizzo e recapiti
  • recupero Certificazione Unica
  • stampa Certificazione Unica.

Anche per il mese di marzo, complice la pandemia Covid, il pagamento delle pensioni avverrà prima. L’Inps tramite un accordo con Poste e Protezione civile, ha stabilito che le pensioni possono essere pagate in anticipo rispetto al tradizionale calendario al fine di evitare assembramenti.

Pagamento pensioni marzo 2021

Il pagamento delle pensioni per il mese di marzo 2021 potrebbe iniziare lunedì 22 febbraio e terminare il 27 dello stesso mese. I pagamenti seguiranno in particolare l’ordine in base all’alfabeto. Così:

  • 22 febbraio: verranno pagati i cognomi A e B;
  • 23 febbraio: cognomi C e D;
  • 24 febbraio: cognomi da E a K;
  • 25 febbraio: cognomi da L a O;
  • 26 febbraio: cognomi da P a R;
  • 27 febbraio: cognomi da S a Z.

Pensioni, gli aumenti per il 2021

Quest’anno è entrato in vigore l’aumento di perequazione automatica, nella misura dello 0,5% sulle pensioni e di conseguenza, l’Inps procederà al conguaglio da perequazione rispetto al valore dello 0,4% utilizzato in sede di rinnovo per l’anno 2020.
Sempre per il 2021, l’Istituto nazionale di previdenza sociale ha ricalcolato per il 2021 gli importi delle pensioni minime e sociali, dei vitalizi, degli assegni sociali e dei trattamenti per i lavoratori socialmente utili.
I nuovi importi e gli aumenti sono di 515,58 euro per le pensioni per lavoratori autonomi e dipendenti, 293,90 euro per i vitalizi, 379,33 euro per le pensioni sociali e 460,28 euro per gli assegni sociali.