Pensione, la Generazione Z risparmia più delle altre

31 Luglio 2022, di Alessandra Caparello

I più giovani, la cosiddetta Generazione Z (che indica le persone di età compresa tra i 18 e i 25 anni) mettono da parte il 14% del reddito per la pensione, più delle altre generazioni più anziane. Nel dettaglio, il tasso medio di risparmio per la pensione per le generazioni più anziane (millennial, Generazione X e baby boomer) è pari al 12% del reddito rispetto al 14% della Generazione Z. Lo rileva la nuova ricerca di BlackRock, secondo cui i lavoratori della Generazione Z stanno mettendo da parte in media il 14% del loro reddito per gli anni della pensione. Questo dato si confronta con il 12% delle loro controparti più anziane: i millennial (26-42 anni), la Generazione X (43-55 anni) e i baby boomer (56-75 anni). Secondo lo studio, la Generazione Z ha la quota più alta di risparmiatori che si sentono sicuri di aver fatto bene (69%). Allo stesso tempo, la percentuale totale di americani che ritiene di essere in regola con i propri risparmi per la pensione è scesa al 63% dal 68% del 2021.

“La fiducia dei pensionati è in calo per la prima volta da qualche anno”, ha dichiarato Anne Ackerley, responsabile del gruppo pensionistico di BlackRock. “Anche durante la pandemia è rimasta invariata, ma abbiamo assistito a un calo in tutte le generazioni a causa dell’inflazione e della volatilità dei mercati”, ha dichiarato Ackerley.

Perché la Generazione Z risparmia di più?

Per quanto riguarda le generazioni, la Generazione Z ha più fiducia nei propri risparmi (69%), seguiti dai boomer al 65% e da millennial e Generazione X al 60%. In genere gli esperti raccomandano ai lavoratori di risparmiare almeno tra il 10% e il 15% del reddito in un conto pensionistico fiscalmente agevolato. Due i fattori che possono contribuire al tasso di risparmio più elevato della Generazione Z.

“Penso che sia un riflesso del fatto che siamo passati a piani a contribuzione definita da piani a benefici definiti“, ha detto Ackerley. “La generazione Z è cresciuta in famiglie in cui c’era la necessità di risparmiare per la pensione […] e il messaggio è che siete da soli, dovete iniziare a risparmiare presto“.

Un’altra possibile ragione, secondo Ackerley, è che i giovani hanno visto i loro familiari in difficoltà a causa della Grande Recessione del 2007-2009, quando la perdita di posti di lavoro, i pignoramenti di case e le perdite di investimenti erano molto diffusi, e vogliono evitare disavventure finanziarie simili in futuro.