Partite Iva, tasse triplicate in regime minimi. Renzi: “autogol più clamoroso” del governo

15 Gennaio 2015, di Redazione Wall Street Italia

ROMA (WSI) – Il premier Matteo Renzi fa mea culpa sulle modifiche che il governo ha apportato al regime dei minimi, e che tante polemiche ha scatenato, visto che la tassazione agevolata sulle partite Iva è stata alzata dal 5% al 15%.

E’stato “l’autogol più clamoroso” fatto finora dal governo, ha ammesso Renzi, rispondendo alla domanda che gli è stata posta dalla redazione di Radio Shock, la radio dei pazienti del Centro di Salute Mentale di Piacenza, in occasione della trasmissione “Le Invasioni barbariche”, andata in onda su La 7.

“Legge di stabilità, le partite Iva. Ho fatto un errore, ma adesso la recuperiamo”, ha detto Renzi. La nuova imposta sostitutiva è stata triplicata ed è entrata in vigore dal 1° gennaio per i freelance.

Partite Iva: accesso ai minimi bandito per chi supera 20mila euro

Partita Iva, conto alla rovescia per assicurarsi regime dei minimi

Minimi partita Iva, dal 2015 si cambia