Parla l’esperto: analisi tecnica sul derivato Ftse Mib e eur/usd

25 Luglio 2011, di Redazione Wall Street Italia

Milano – Nonostante le perdite odierne e l’attacco speculativo che torna a colpire l’Italia, Piazza Affari sarebbe pronta a una fase di stabilizzazione, dopo le continue oscillazioni che hanno caratterizzato le ultime settimane. Parola dell’analista indipendente Federico Dalla Bona che, in una intervista al canale televisivo Class Cnbc, fa il punto della situazione, prendendo come riferimento il derivato sul Ftse Mib con scadenza a settembre.

Secondo Dalla Bona, i livelli di supporto più importanti sono in prossimità di 19.050-19.080 e 18.950-18.980. Questi supporti si presentano come zone potenziali di rimbalzo. Riguardo alle resistenze, occhio al range compreso tra 19.350 e 19.370 che, se superato, potrebbe portare il derivato sopra 20.000 fino a 20.050.

In generale, comunque, guardando al mercato del suo complesso “la presenza di gap al rialzo e al ribasso che stanno interessando l’indice di riferimento Ftse Mib indicano che ci troviamo in una fase di stabilizzazione che è contestualizzata all’interno di quell’ampio movimento ribassista che è iniziato a febbraio”. Detto questo, nel brevissimo periodo si “potrebbe assistere anche a un movimento al rialzo”.

Sul rapporto eur/usd, Dalla Bona prevede un progressivo rafforzamento dell’euro nelle prossime settimane. “E se si dovesse rompere al rialzo la resistenza a $1,4450 si potrebbe arrivare nell’arco delle prossime due/tre settimane anche fino a $1,47”. I livelli di supporto, che possono costituire motivi di rialzo, sono a £1,4250 e $1,4130.