Mercati

Oro in crisi: quali saranno i prossimi target di prezzo?

L’oro, tradizionalmente considerato come un porto sicuro in tempi di incertezza economica, ha recentemente affrontato una fase di difficoltà. Dopo aver vissuto un periodo di apprezzamento costante negli ultimi anni, il metallo prezioso ha registrato una serie di perdite negli ultimi giorni. Questo ha suscitato interrogativi sulla sua capacità di mantenere il suo status di bene rifugio e ha attirato l’attenzione degli investitori e degli esperti del settore.

L’oro ha subito quattro giorni consecutivi di perdite, il che indica una certa pressione al ribasso sul prezzo del metallo prezioso. Un fattore che ha contribuito a questa situazione è l’attesa dei commenti del presidente della Federal Reserve, Jerome Powell, che potrebbero fornire ulteriori indicazioni sulle future politiche monetarie degli Stati Uniti. Gli investitori stanno aspettando con ansia queste informazioni, in quanto le decisioni della Fed possono influenzare significativamente il valore dell’oro.

Per comprendere meglio l’andamento dell’oro, è utile esaminare anche l’analisi tecnica.

L’andamento del prezzo dell’oro

I prezzi dell’oro stanno ancora lottando per trovare stabilità, nonostante le recenti notizie che indicano un possibile aumento dei tassi di interesse globali. La Banca d’Inghilterra ha infatti mostrato che i tassi di interesse potrebbero salire ulteriormente, alimentando le speculazioni sulle politiche monetarie di altre banche centrali in tutto il mondo. Questo ha contribuito a mantenere il prezzo dell’oro sotto pressione, poiché gli investitori potrebbero preferire asset con rendimenti potenzialmente più elevati rispetto al metallo prezioso, che non produce interessi o dividendi.

Tuttavia, nonostante le difficoltà attuali, alcuni analisti rimangono ottimisti sulle prospettive a lungo termine dell’oro. C’è consenso sul fatto che i fondamentali sottostanti del metallo prezioso rimangono solidi. La domanda di oro da parte di banche centrali, investitori istituzionali e privati ​​è ancora presente, e i timori di inflazione e instabilità geopolitica potrebbero continuare a sostenere la domanda di questo bene rifugio.

Inoltre, l’oro ha dimostrato di essere resistente nel corso degli anni, in grado di recuperare da periodi di calo. Storicamente, ha mostrato una tendenza a salire durante periodi di instabilità economica e svolgere un ruolo di protezione per gli investitori. Pertanto, è importante valutare l’andamento dell’oro non solo in base agli eventi recenti, ma anche tenendo conto del contesto più ampio.

Infine, come con qualsiasi investimento, è fondamentale per gli investitori fare una valutazione ponderata dei rischi e dei rendimenti. L’oro può essere un componente importante di un portafoglio diversificato, ma è essenziale considerare anche altri fattori, come la tolleranza al rischio, gli obiettivi di investimento e l’orizzonte temporale.

L’analisi tecnica

Il chiaro canale di tendenza al ribasso dai massimi di maggio di quest’anno rimane molto in vigore, con gli sforzi dei rialzisti per forzare un periodo di scambi tra i massimi di inizio giugno di $1981,50 l’oncia e la più recente serie di minimi intorno a $1940 sembra essere fallita con i ribassi dell’ultimo paio di sessioni.

oro

I rialzisti dovranno rompere $1952 per superare questo canale al rialzo, e sembra che ci siano pochi segni che raccoglieranno la potenza di fuoco per farlo nel breve termine. Il massimo del 13 marzo di $1914, potrebbe offrire un supporto a portata di mano, prima di quello che probabilmente sarà un sostegno più solido a $1902,50. Quest’ultimo livello sarebbe il secondo livello di ritracciamento di Fibonacci dell’ascesa fino ai picchi di maggio dal minimo del 2 novembre 2022. Il primo ritracciamento ha ceduto quando $1971,80 ha ceduto il 23 maggio.

Il canale discendente offre supporto al ribasso a $1886,95, ma questo è piuttosto lontano dal mercato attuale agli attuali intervalli giornalieri, e un nuovo test significherebbe probabilmente che i rialzisti si trovassero in difficoltà più serie.