Oro e palladio perdono terreno dai massimi mentre gli asset rischiosi si stabilizzano

9 Marzo 2022, di Gianmarco Carriol

L’oro e il palladio mercoledì hanno frenato il rialzo vertiginoso delle ultime sedute mentre gli asset più rischiosi hanno tentato una rimonta, con gli analisti che prevedono un’altra corsa al rialzo per i metalli preziosi in caso di un’ulteriore escalation della crisi ucraina.

L’oro spot è sceso del 3,65% dai massimi di ieri a $1.994,40 l’oncia al momento della stesura, fermando un rally di quattro sessioni che lo hanno portato a raggiungere il massimo storico da agosto 2020. I futures sull’oro USA sono scesi dello 0,9%.

“Quello che potremmo vedere ora è solo una piccola correzione dopo un movimento così grande per un periodo di tempo prolungato (in oro e palladio)” ha affermato Craig Erlam, analista di mercato senior di OANDA.

Mentre l’oro potrebbe allontanarsi dai massimi storici e le azioni iniziare un rialzo, il sentiment può diventare negativo molto rapidamente. I mercati non andranno da nessuna parte fino a quando il presidente russo Vladimir Putin non porrà fine all’invasione dell’Ucraina.

Anche i prezzi del greggio hanno frenato dai massimi, la cui presa di forza ha alimentato i timori di inflazione e ha accresciuto il fascino dell’oro come rifugio contro l’aumento dei costi.

Grafico giornaliero dell’oro

Grafico giornaliero XAU/USD - Tradingview

L’oro (Xau/Usd) potrebbe incontrare una forte resistenza vicino al livello $1980 – $1970 ed è probabile un pullback in zona $1.930.

“Ma se l’attuale instabilità in termini geopolitici continua, è molto probabile che cercheremo nuovi massimi storici per i metalli preziosi”  ha affermato Michael McCarthy chief strategy officer di Tiger Brokers, in Australia McCarthy.

Il palladio, utilizzato dalle case automobilistiche nei convertitori catalitici per ridurre le emissioni, oggi è sceso del 11,3% a $3.024,77 l’oncia dopo aver toccato un massimo record di $3.410,76 lunedì, tra i timori di interruzioni nella fornitura dal principale produttore russo.

L’argento spot è sceso del 3% a $26,04 l’oncia, dopo aver toccato il massimo di quasi nove mesi martedì. Il platino è sceso del 6,9% a $1.116,25 dai massimi di questa mattina.