Oro al ribasso a causa dell’aumento della forza del dollaro USA

25 Maggio 2022, di Gianmarco Carriol

Il prezzo dell’oro è scivolato oggi, spinto da un dollaro più forte, mentre gli investitori guardano ai verbali della riunione politica della Federal Reserve americana di maggio, che dovrebbero essere spunti sul suo percorso di inasprimento.

L’oro spot è sceso dello 0,89% a $1.849,70 l’oncia. L’indice del dollaro è salito dello 0,35% dopo aver toccato il livello più basso in un mese martedì.

Grafico giornaliero XAU/USD - Tradingview

“Il dollaro probabilmente raggiungerà ancora una volta quei massimi toccati all’inizio di maggio perché i verbali del FOMC riveleranno che la Fed è impegnata nella sua attuale posizione da falco e queste sono cattive notizie per l’oro”, ha affermato Ricardo Evangelista, analista senior di ActivTrades.

Il Federal Open Market Committee (FOMC) dovrebbe rilasciare i verbali della riunione politica del 3-4 maggio questa sera e mentre i mercati si aspettano aumenti dei tassi di 50 punti base nei prossimi mesi, vi sono anche timori che l’aggressivo inasprimento della politica della Fed possa pesare sulla ripresa economica.

In un saggio pubblicato martedì, il presidente della Fed di Atlanta Raphael Bostic ha avvertito che rialzi così marcati dei tassi potrebbero creare “una significativa dislocazione economica”.

L’oro è molto sensibile all’aumento dei tassi di interesse statunitensi, che aumentano il costo opportunità di detenere lingotti non produttivi e fanno anche aumentare il dollaro, in cui è prezzato.

“Dato che non vediamo l’economia statunitense scivolare in recessione, la recente ripresa della domanda d’oro dovrebbe essere temporanea, lasciando poco rialzo dei prezzi”, ha affermato l’analista di Julius Baer Carsten Menke, aggiungendo che l’argento dovrebbe continuare a muoversi sulla stessa scia.