Inflazione, come incide sulle azioni growth

5 Agosto 2021, di Alistair Wittet (Comgest)

“Il valore della crescita” può assumere un diverso significato soprattutto quando l’inflazione aumenta, e gli investitori iniziano a mettere in discussione “il valore attuale netto della crescita”. La teoria suggerisce che le attività di lungo termine come i titoli di crescita di qualità subiscono un colpo di valutazione perché l’impatto dell’aumento dei tassi sul valore attuale netto dei profitti a lungo termine è molto più alto che sui profitti a breve termine.
Pertanto, la teoria economica suggerisce che l’aumento dell’inflazione dovrebbe avere un impatto sulla valutazione relativa dei titoli growth di lungo termine rispetto ai titoli value a breve termine, riducendo il premio di valutazione dei primi.

Tuttavia, in pratica non abbiamo notato una compressione del P/E relativo dei titoli growth rispetto a quelli value nell’ultimo anno, nonostante l’intenso dibattito sull’inflazione. Piuttosto, sembra essere vero il contrario.

Una ragione potrebbe essere che gli investitori guardano oltre la pressione inflazionistica a breve termine e si concentrano invece sulle tendenze a lungo termine. Ci sono forti forze inflazionistiche a breve termine al lavoro attualmente: le numerose politiche di stimolo fiscale e monetario che hanno sostenuto le economie durante la crisi di Covid, la pressione sulle catene di approvvigionamento dopo lunghi periodi di blocco e l’improvviso aumento della domanda di materie prime dopo un lungo periodo di bassa domanda e sottoinvestimento.
Tuttavia, il progresso tecnico, la digitalizzazione delle economie, la demografia e la concorrenza globale sono potenti forze disinflazionistiche che crediamo siano solidamente al lavoro.

Dal nostro punto di vista, i titoli quality growth che affrontano l’inflazione grazie al loro vantaggio competitivo si traduce in un potere dei prezzi che può consentire profitti più elevati.
Prendiamo ad esempio LVMH, il colosso globale del lusso. Alcuni marchi di moda di LVMH hanno aumentato i prezzi la scorsa estate in diversi mercati – in modo tale che la componente dei prezzi nella crescita dei ricavi della divisione Fashion & Leather Goods si è alternata tra il 4% e il 7%, a seconda del marchio, durante il primo trimestre del 2021. In confronto, nel settore dei gas industriali e medicali, Linde può aumentare contrattualmente i prezzi a seconda dell’inflazione, ma è storicamente nota per aumentare i prezzi anche in assenza di inflazione.

Un’altra implicazione pratica dell’inflazione è l’aumento del costo del debito. Più alta è la leva finanziaria di un’azienda, più l’aumento del costo del debito influisce sui guadagni nonostante lo scudo fiscale che tale leva può fornire. Quindi è cruciale guardare il bilancio di un’azienda. Riteniamo che la pressione dell’aumento del costo del debito avrà un impatto molto inferiore sui titoli quality growth rispetto al mercato più ampio e, in particolare, ai titoli value.

Molte società non hanno un forte vantaggio competitivo, quindi non hanno il potere di determinazione dei prezzi per contrastare la pressione inflazionistica. Se combinato con un’alta leva finanziaria, questo potrebbe diventare rapidamente un circolo vizioso. Se l’inflazione e i tassi d’interesse continuano ad aumentare dopo un decennio di aumento dell’indebitamento aziendale, questo potrebbe iniziare ad alimentare le preoccupazioni nelle società sub-investment grade.