Nuove frontiere Fintech: gran successo per le banche “App”

5 Ottobre 2018, di Alessandra Caparello

Dal Regno Unito alla conquista dell’Europa. Questo l‘obiettivo di N26, banca tedesca fondata a Berlino e attualmente operante in 17 mercati in tutta Europa, con 1,5 milioni di clienti e da 5.000 a 6.000 nuovi clienti registrati al giorno.

“Penso che abbiamo buone possibilità di rendere il Regno Unito uno dei nostri mercati più forti. L’esperienza che abbiamo acquisito negli altri mercati [significa] siamo molto fiduciosi”.

Così parlando a Business Insider in una recente intervista il cofondatore e CEO della N26 Valentin Stalf. La forza di N26 è che è una banca al passo coi tempi, interamente digitale e permette di aprire un conto scaricando sullo smartphone un’App e in pochi secondi si possono  effettuare e ricevere bonifici SEPA, ottenere o trasferire denaro in tempo reale verso altri utenti e prelevare soldi da tutti gli sportelli Bancomat del mondo.

“Le grandi cose che abbiamo imparato sono che i bisogni dei clienti sono praticamente gli stessi indipendentemente dal paese in cui si trovano. C’è questa idea che il settore bancario è molto locale, ma è in qualche modo sbagliata: i bisogni di tutti – in particolare la generazione digitale – sono praticamente uguali in tutta Europa, anche in tutto il mondo, direi”.

N26 ricorda un altro grande fenomeno in ascesa, Revolut, una banca digitale innovativa utilizzabile via App e da cui è possibile eseguire operazioni in tutto il mondo. Ora N26 punta al salto di qualità sbarcando nel Regno Unito. La Gran Bretagna ha già diverse startup bancarie esclusivamente digitali destinate ai consumatori, tra cui Monzo, Revolut per l’appunto, Starling, Tandem e Atom, ma Stalf ha dichiarato di non essere preoccupato per la concorrenza. Stalf ha detto che N26si differenzia da altri come Revolut e Tandem perché si posiziona come un sostituto completo per un conto bancario.

“Se guardi ai mercati in cui siamo già presenti, otteniamo la maggior parte dei clienti che sono persone che non provengono da altre banche digitali ma da quelle tradizionali. Guardando al Regno Unito, il 75% del mercato è con quattro grandi banche: l’obiettivo principale è dare a queste persone un’esperienza utente migliore, nessun prezzo di ripiego e maggiore trasparenza”.

Il prossimo obiettivo di N26 è il lancio negli Stati Uniti nel primo trimestre del 2019.

“Abbiamo l’ambizione di costruire la prima banca mondiale al mondo con circa 100 milioni di clienti. Pensiamo che sia il momento giusto per costruire un marchio bancario globale, come Spotify e Netflix in film o musica, cosa che non c’è ancora per la finanza.