Nucleare Iran, test missilistici violano risoluzione Onu

30 Marzo 2016, di Mariangela Tessa

NEW YORK (WSI) – Con lancio di missili con capacità nucleare, l’ Iran ha violano la risoluzione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite sull’accordo sul nucleare iraniano raggiunto lo scorso luglio tra Teheran e il gruppo dei 5+1, ovvero i cinque membri permanenti del Consiglio di sicurezza, Cina, Usa, Russia, Francia e Regno Unito più la Germania.

Così hanno scritto in una lettera congiunta gli Stati Uniti e gli alleati europei, il cui contenuto e’ stato diffuso dall’agenzia Reuters.

I recenti test balistici dell’Iran, che hanno coinvolto missili in grado di trasportare armi nucleari, erano “incompatibili con” e “sfidano” la Risoluzione del Consiglio 2231, adottata lo scorso mese di luglio, si legge nella lettera.

La lettera va in contrapposizione rispetto a quanto dichiarato ieri Gholamali Khoshroo, ambasciatore iraniano presso l’Onu secondo cui “la risoluzione 2231 del Consiglio non vieta le attività militari legittime e convenzionali. I recenti lanci di prova di missili balistici iraniani fanno parte del continuo impegno delle nostre forze armate di rafforzare le proprie capacità di difesa legittima”.

All’inizio di marzo l’esercito dei Guardiani della rivoluzione iraniana ha effettuato alcuni lanci di missili balistici per testare alcuni nuovi missili, “di conseguenza – si legge ancora nella lettera – non vi è alcun motivo per aver sollevato la questione al Consiglio di sicurezza”.

Anche il presidente iraniano Hassan Rohani aveva ribadito la natura difensiva del programma missilistico iraniano spiegando: “Non abbiamo alcuna intenzione di invadere i nostri vicini. Il nostro programma missilistico è completamente per scopi di difesa”.