Nomine partecipate: su Snam, Italgas e Fincantieri vittoria della Lega

7 Marzo 2019, di Alessandra Caparello

Annunciate le liste per il rinnovo delle cariche delle partecipate statali Snam, Italgas e Fincantieri e a far la parte da leone è stata la Lega di Matteo Salvini.  Cassa Depositi e Prestiti ha confermato gli amministratori delegati in carica presso Italgas SpA, Snam SpA e Fincantieri SpA decisione che era stata sostenuta proprio dal ministro dell’Interno mentre i Cinque Stelle puntavano ad un cambiamento.

Partendo da Snam, partecipata con una quota del 30,37% in capo a CDP Reti, i nomi proposti per il rinnovo del CdA sono quelli di Luca Dal Fabbro (nuovo Presidente), in sostituzione di Carlo Malacarne e Marco Alverà (Amministratore delegato).

Per Italgas, partecipata al 26,045% del capitale attraverso CDP Reti, si conferma la lista presentata congiuntamente a Snam, come previsto dal patto parasociale, indicando Alberto Dell’Acqua come nuovo Presidente, al posto di Lorenzo Bini Smaghi e Paolo Gallo (Amministratore delegato). Infine per Fincantieri, di cui CDP si detiene una partecipazione del 71,64% tramite Fintecna, sono confermati i vertici quindi Giampiero Massolo (Presidente) e Giuseppe Bono (Amministratore delegato).

Per la compagnia navale sono stati così confermati entrambi i vertici, una decisione di concedere nuovi termini di mandato proprio per il 74enne Giuseppe Bono è a una vittoria per la Lega come scrive
Bloomberg. La Lega aveva chiesto difatti di mantenere i manager nei loro ruoli nonostante gli sforzi dei Cinque Stelle di rimuoverli tanto che ne avevano fatto un loro slogan durante l’ultima campagna elettorale. Il Movimento Cinque Stelle così conferma la perdita di potere e scivola nei sondaggi delle ultime settimane. Il partito pentastellato era al 22,1 per cento in un sondaggio SWG del 4 marzo scorso, in calo dal 22,6 per cento del sondaggio 25 febbraio e in forte calo dal 32,7 per cento segnato nelle elezioni generali dello scorso anno.