Nio: l’anti Tesla cinese svela i piani per lo sbarco in Europa

11 Maggio 2021, di Alessandra Caparello

Fondata nel 2014 e conosciuta anche come la “Tesla cinese”, la start up Nio è riuscita a risollevarsi dalla crisi Covid e nell’ultimo mese di aprile ha venduto in Cina 7.102 veicoli elettrici. Numeri importanti che hanno spinto la Tesla cinese a fare il grande passo e sbarcare in Europa.

Il primo paese del Vecchio Contintente che vedrà sulle strade i modelli di auto elettriche targate Nio è la Norvegia a cui seguiranno altri cinque paesi che ancora non si conoscono. Il modello che sarà proposto in Norvegia è il suv a sette posti Nio ES8  che arriverà a settembre 2021.
Nel 2022 sarà la volta della berlina Nio ET7. Nio, così come Tesla, venderà i suoi veicoli direttamente ai clienti, che potranno acquistarli online, mentre l’assistenza e la consegna saranno effettuate nei centri a marchio Nio.

Per supportare al meglio il lancio del veicolo, la cinese Nio installerà in Norvegia una rete di negozi in centro città, delle stazioni di ricarica rapida, e, soprattutto, uno dei suoi pezzi forti: la stazioni di scambio della batteria. La Nio infatti ha sviluppato una stazione completamente automatizzata, che, grazie a 239 sensori e quattro sistemi di cloud computing, è in grado di sostituire l’accumulatore scarico con uno carico in soli tre minuti, con l’utente che può comodamente rimanere seduto al proprio posto di guida. Le prime quattro stazioni dovrebbero entrare in funzione entro la fine dell’anno, e altre dodici dovrebbero arrivare nel 2022, creando una rete in cinque città della Norvegia.

Nio, perché è stata scelta la Norvegia

In Norvegia lo scorso anno ha fatto il suo ingresso un’altra startup cinese, la Xpeng e tanti i concorrenti già affermati come oltre alla Tesla, ci sono anche l’Audi o la Nissan. Nio ha scelto il paese scandinavo per il suo sbarco in Europa, perché attualmente è quello più profittevole per le auto elettriche, che ad aprile hanno rappresentato il 55% delle vendite di vetture nuove.

In ogni caso, la Norvegia garantisce una serie di opportunità. In primis il fatto che il governo vuole che già dal 2025 tutte le auto vendute siano elettriche  e per raggiungere tale obiettivo ha varato un massiccio programma di incentivi.