Zucchi: +17% in Borsa dopo accordo di ristrutturazione del debito

3 Marzo 2016, di Alessandra Caparello

MILANO (WSI) – In asta di volatilità con un rialzo teorico del 16,98% a 0,0372, il gruppo Zucchi dopo l’ok all’accordo di ristrutturazione del debito.

È stato il Tribunale di Busto Arsizio ad omologare l’accordo di ristrutturazione del debito bancario, sottoscritto il 23 dicembre 2015, passo necessario per il rilancio della società tessile. Il provvedimento ha esteso gli effetti dell’accordo di ristrutturazione a Banco Popolare.  L’accordo prevede la costituzione di una spv alla quale verrà conferito il ramo d’azienda costituito da 30 milioni di debito nei confronti delle banche, insieme ad immobili della società e i rapporti con cinque dipendenti.

Inoltre si prevede anche un aumento di capitale da 10 milioni di euro, con esclusione del diritto di opzione e riservato a GB Holding, società che fa capo a Gigi Buffon e nella quale sarà trasferita la partecipazione detenuta da GB Holding in Zucchi. Grande soddisfazione per il risultato raggiunto esprime il presidente Angelo Turi.