Wall Street e lira turca in calo, pesante il settore dei semiconduttori

17 Agosto 2018, di Daniele Chicca

Seduta debole per Wall Street, con gli indici principali che sono in lieve calo. L’S&P 500 perde 4 punti a quota 2.837 nelle prime contrattazioni. I gruppi produttori di chip sono in calo all’avvio degli scambi. A pesare sull’andamento del comparto previsioni deludenti di alcuni gruppi del settore come Nvidia (-4%) e Applied Material (-5%). Anche Micron, ASML e Intel cedono quota.

L’azionario Usa ha guadagnato terreno questa settimana in un contesto di ritrovata avversione al rischio, per via degli aiuti e misure annunciate in Turchia e per l’allentarsi delle tensioni commerciali tra Cina e Stati Uniti. Tuttavia sul Forex la lira torna a perdere terreno sul dollaro (-6% al momento) dopo che Donald Trump ha minacciato di imporre ulteriori sanzioni contro Ankara se non verrà rilasciato il pastore evangelista americano Andrew Brunson, accusato da Erdogan di aver partecipato al tentativo poi fallito di colpo di stato nel 2016.