Valutario, tutto si gioca sul dollaro-centrismo

5 Novembre 2015, di Daniele Chicca

NEW YORK (WSI) – Il vero protagonista del mercato valutario è tornato a far sentire fortemente la sua presenza: stiamo parlando del dollaro-centrismo del quale abbiamo visto ampia manifestazione durante la mattinata di ieri e nel pomeriggio di oggi. L’osservazione è dello strategist sul valutario di FXCM, Davide Marone.

“Se ieri si era trattato di flussi di capitale in acquisto di dollari puramente tecnici – dice l’analista in una nota – oggi l’elemento propulsore è stato rappresentato dai dati del primo pomeriggio negli Stati Uniti relativi alla e soprattutto gli ADP (i precursori dei Non Farm Payrolls che verranno pubblicati venerdì)”.

“La direzione è stata ancora di forti acquisti di biglietto verde che, nella fattispecie, hanno consentito la rottura dei minimi relativi a  1,0900 con aree di target di breve individuabili tra 1,0845 e 1,0830. Il daily risulta ben eloquente nel sottolineare una situazione di grande momentum bearish che trova un punto ancor più cruciale di quelli finora osservati e cioè l’1,0810″.

Da lì “la strada ribassista potrebbe essere davvero ampia a favore di punti di attenzione a 1,0670. Difficile tuttavia ritenere che questa sequenza logica potrà articolarsi al netto dei dati Usa  di venerdì prossimo, mentre diviene ragionevole contemplare che sui punti di breve evidenziati il mercato potrebbe andare a ritracciare per prendere profitto e generare ricoperture pre-news”.