Usa, sussidi di disoccupazione: quelli continuativi ai minimi da fine 1988

11 Maggio 2017, di Daniele Chicca

Il numero di americani che ha fatto una nuova richiesta di sussidio di disoccupazione è calato di due mila unità la settimana scorsa, conclusasi il 6 maggio, a quota 236 mila. Le attese erano per un aumento a 245 mila unità. I sussidi continuativi di disoccupazione sono invece scesi ai minimi da novembre 1988 durante la settimana precedente. Attenzione però che la media a quattro settimane, considerata un metodo di misurazione più attendibile dello stato di salute del mercato del lavoro americano perché meno volatile dei report settimanali, è cresciuta di 500 domande di indennità di disoccupazione in area 243.500.

Sempre in Usa in aprile i prezzi alla produzione sono saliti dell 0,5% su base mensile mentre sono in rialzo del 2,5% negli ultimi dodici mesi: è la crescita più marcata da febbraio 2012. Sui mercati valutari il dollaro consolida i moderati progressi nei confronti di euro e sterlina, ma lo yen guadagna terreno sul biglietto verde. I future sui principali indici della Borsa Usa scambiano in ribasso dello 0,2-0,3% quando manca meno di un’ora al suono della campanella a Wall Street.