Usa: inflazione al palo, da salari alert per famiglie americane

16 Agosto 2016, di Laura Naka Antonelli

Inflazione latitante negli Usa. L’indice dei prezzi al consumo – reso noto dal dipartimento del Lavoro – si è confermato piatto a luglio, riportando la performance più debole in cinque mesi, ovvero dallo scorso febbraio.

A zavorrare l’inflazione è stata soprattutto la componente dei prezzi della benzina, scesa per la prima volta in cinque mesi. La componente core è salita di appena +0,1% su base mensile, rispetto al +0,2% atteso dal consensus.

Su base annua, l’indice dei prezzi al consumo ha registrato una variazione +0,8%, a fronte di un rialzo della componente core +2,2%, inferiore tuttavia al +2,3% di giugno.

I prezzi dei beni alimentari sono rimasti invariati a luglio su base mensile, e sono saliti +0,2% su base annua, riportando la crescita più debole dai 12 mesi terminati nel marzo del 2010.

I prezzi energetici sono calati -1,6% su base mensile e hanno registrato un tonfo -10,9% su base annua.

I salari orari su base reale – che incidono sull’inflazione – sono saliti +0,4% su base mensile, dopo il calo -0,2% di giugno, e del 2% su base annua. Quest’ultimo rialzo è tuttavia inferiore a quelli che hanno interessato alcuni beni non discrezionali che le famiglie americane acquistano: gli affitti per esempio sono saliti +3,8% su base annua, e i prezzi per le cure mediche +4,1%.