Usa: dati macro alimentano un possibile aumento dei tassi

5 Aprile 2016, di Mariangela Tessa

NEW YORK (WSI) – “Alcuni dati macro migliori del previsto negli Stati Uniti potrebbero alimentare nuovamente le prospettive di un aumento dei tassi nei prossimi mesi. Se da un lato, i futures sui Fed funds assegnano una probabilità nulla di rialzo il 27 aprile, per giugno è al 24% (dal 35% di qualche settimana fa)”.

Così Alberto Biolzi Responsabile Advisory di Cassa Lombarda, secondo cui:

L’obbligazionario governativo dell’Eurozona dovrebbe continuare il trend positivo, in un mese caratterizzato da emissioni nette fortemente negative. Questa settimana, il Tesoro collocherà il BTP Italia, per il quale ci si attende un buon riscontro da parte del mercato. Domani, si riunirà la Banca Centrale australiana (RBA) che potrebbe, secondo alcuni analisti, tagliare i tassi d’interesse. L’attività di primario corporate euro dovrebbe riprendere dopo la pausa pasquale, approfittando delle favorevoli condizioni di mercato e dell’appetito per il rischio degli investitori in vista del piano CSPP della Bce (Corporate Sector Purchase Programme, piano di acquisto di titoli corporate non finanziari)”