Ubs: petrolio risale per ricopertura di posizioni corte

4 Marzo 2016, di Alberto Battaglia

Il rialzo del petrolio sperimentato ultimamente non sembra diretto da fattori fondamentali legati ai trend della produzione, bensì a una massiccia dismissione di posizioni corte nel mercato degli Etf; lo suggerisce un’analisi di Ubs:

Ieri [due giorni fa ndr.] il petrolio ha concluso in rialzo nonostante un consistente aumento delle scorte di greggio, un riflesso di quanto tendenzioso sia il sentiment ribassista. Oggi [ieri ndr.] il greggio ha aperto in calo, muovendosi in modo contrastato ma in generale rialzo. In entrambi i giorni, le azioni legate al settore energetico sono state la componente più performante dell’indice S&P 500. Ora, non c’è dubbio che la performance oggi sia totalmente ricopertura di posizioni allo scoperto. Ciononostante mostra anche quanto rimanga negativo il sentiment.