Tassi, Kaplan (Fed): “ci vorrà molto tempo per normalizzarli”

30 Marzo 2016, di Alessandra Caparello

NEW YORK (WSI) – La crescita lenta della Cina potrebbe avere ripercussioni sull’economia degli Stati Uniti. A dirlo Robert Kaplan, governatore della Federal Reserve di Dallas, tra le “colombe” della Fed e membro con diritto di voto del Fomc nel 2017,secondo cui, alla luce delle preoccupazioni sulla crescita globale, occorre che i tassi di interesse salgano “in modo graduale”.

Ciò significa che la politica monetaria americana sarà ancora accomodante e non necessariamente facendo ricorso a tassi di interesse negativi, dal momento che questi “possono potenzialmente avere effetti collaterali negativi”. Secondo Kaplan inoltre per normalizzare il costo del denaro americano, occorrerà “un periodo di tempo esteso”.

“L’economia americana resterà resiliente nel corso del 2016, ma negli anni a venire l’alto rapporto tra debito e prodotto interno lordo potrebbe creare pressioni al ribasso per l’economia negli anni a venire”.