Robinhood: approda in Borsa l’app che mira a democratizzare il trading

29 Luglio 2021, di Redazione Wall Street Italia

Approda oggi a Wall Street, l’app che mira a democratizzare il trading, Robinhood, fondata nel 2013 da Vladimir Tenev e Baiju Bhatt e che oggi conta 17,7 milioni di utenti attivi del primo servizio di trading a zero spese.

Robinhood approda in Borsa: valutazione corre a 32 miliardi di dollari

Il simbolo “Hood” avrà un prezzo iniziale compreso tra 38 e 42 dollari per azione, valutando la società a circa 32 miliardi di dollari, riservando il 35% delle 55 milioni di azioni previste nell’offerta pubblica iniziale agli utenti della stessa applicazione. La scelta di Robinhood di destinare una così larga parte dell’offerta ai piccoli risparmiatori è stata giustificata con la volontà di ridurre il ruolo degli attori istituzionali e di “democratizzare” maggiormente il processo di quotazione.

Robinhood è diventata una porta d’accesso centrale ai mercati per gli investitori giovani e alle prime armi. L’app, che offre trading di azioni, criptovalute e opzioni, così come conti di gestione della liquidità, ha sperimentato livelli di trading record durante la pandemia e nel bel mezzo della mania delle azioni meme scoppiata a inizio del 2021.

 Robinhood stima di avere 22,5 milioni di conti finanziati (quelli legati a un conto bancario) a partire dal secondo trimestre, una stima in aumento rispetto ai 18 milioni del primo trimestre del 2021. Goldman Sachs e JPMorgan. Nel suo prospetto aggiornato, Robinhood ha stimato entrate per il secondo trimestre da 546 milioni di dollari a 574 milioni di dollari, contro i 244 milioni di dollari del secondo trimestre del 2020. Le entrate sono balzate del 309% nel primo trimestre a 522 milioni di dollari da 128 milioni di dollari dell’anno precedente. Tuttavia, Robinhood si aspetta di oscillare verso una perdita netta di 487 milioni di dollari a 537 milioni di dollari nel secondo trimestre dopo aver girato un profitto nello stesso trimestre dello scorso anno.

Dopo Robinhood, diversi altri nomi della finanza tradizionale si sono gettati nel campo del trading a zero commissioni, inclusi Charles Schwab e Morgan Stanley.