Petrolio giù: dati Libia mettono in dubbio efficacia tagli produzione

31 Maggio 2017, di Daniele Chicca

I prezzi del petrolio sono sotto pressione stamattina in Borsa, influenzati negativamente dai soliti timori legati all’offerta in eccesso. La Libia ha aumentato il livello di barili di petrolio prodotti a 800 mila unità questa settimana, alimentando i timori circa l’effettiva efficacia dell’accordo di taglio all’output stretto dall’OPEC e dai paesi esportatori che non fanno parte del cartello.

Sui mercati energetici i prezzi del Brent sono scesi in area 50,85 dollari al barile (-1,91%), mentre i contratti analoghi sul Wti americano perdono l’1,75% a quota 48,79 dollari al barile.