Petrolio giù ai minimi da tre mesi, pesa incremento produzione Usa

13 Marzo 2017, di Mariangela Tessa

Il prezzo del petrolio continua a scendere e toccare i minimi di tre mesi sui mercati asiatici. Il nuovo crollo delle quotazioni è stato determinato ancora una volta dai dati provenienti dagli Stati Uniti che hanno mostrato un nuovo incremento degli impianti di trivellazione. In mattinata, il Wti scambia in flessione dello 0,31% a quota $48.34 a barile mentre il Brent segna invece un -0,23% e scambia a $51.25 a barile.