Olio di palma, Ue alza soglia contaminanti

30 Gennaio 2018, di Livia Liberatore

L’Autorità europea per la sicurezza alimentare Efsa ha deciso di rivedere al rialzo la dose giornaliera tollerabile di uno dei contaminanti che si sviluppano durante la raffinazione degli oli vegetali, fra cui l’olio di palma. Si tratta della sostanza chimica 3 monocloropropandiolo e dei suoi derivati, ritenuti in grado di produrre effetti nocivi sui reni e la fertilità maschile. La scelta di rivedere la posizione dell’Ue è stata presa dall’Efsa dopo che il comitato congiunto Fao-Oms di esperti sugli additivi delle Nazioni Unite ha stabilito un diverso livello di sicurezza.