Mps +9% dopo rumor acquisto bond subordinati dal Tesoro per quota fino al 40% banca

7 Dicembre 2016, di Laura Naka Antonelli

Boom per le quotazioni del titolo Mps, dopo le ultime notizie sulla banca senese. Stando alle ultime indiscrezioni riportate da Reuters, lo Stato italiano si starebbe apprestando ad acquisire una ulteriore quota di partecipazione nel capitale di MPS.

Il governo italiano starebbe pianificando l’acquisizione da parte del Tesoro di tutti i bond subordinati di Mps e la loro successiva conversione in azioni, per portare la sua partecipazione fino al 40% dal 4% attuale.

Mps continua in ogni caso a trattare per riuscire a centrare l’obiettivo dell’aumento di capitale da 5 miliardi di euro senza il sostegno dello stato, puntando a un accordo con QIA, fondo sovrano del Qatar.

Sull’Opa lanciata sugli 11 bond subordinati per un controvalore nominale complessivo di 4,3 miliardi di euro, Mps ha rifatto i conti e ha rivelato che le adesioni sono superiori – ma in misura molto lieve rispetto ai dati precedente comunicati, pari a 1.028.911.232 euro e non 1.028.811.231 euro come reso noto in precedenza. Tali bond subordinati saranno convertiti in azione, a condizione che si trovino soci che aderiscano all’aumento di capitale e vengano ceduti i crediti deteriorati per un valore di 27 miliardi di euro.

Nell’incontro di ieri a Francoforte tra l’AD di Mps Marco Morelli e i funzionari della Bce, Mps avrebbe inoltre ottenuto un altro mese di tempo oltre il 31 dicembre come scadenza per il suo piano di risamento, considerata la situazione di instabilità politica presente in Italia provocata dai risultati del referendumcostituzionale.

LEGGI Mps sarà salvata, resta da vedere come