Mps bene in borsa. Ostaggio della Bce e niente dividendi ai piccoli azionisti

9 Novembre 2015, di Laura Naka Antonelli

ROMA (WSI) – Sessione positiva a Piazza Affari per il titolo Mps (Monte dei Paschi di Siena). Il mercato accoglie con favore la pubblicazione del bilancio, avvenuta venerdì scorso, che ha messo in evidenza un rosso inferiore alle attese nel terzo trimestre.

L’istituto di credito senese ha riportato nei primi nove mesi dell’anno un utile di 84,7 milioni. Riguardo al terzo trimestre – perdita per 109 milioni di euro -, ha pesato l’accordo siglato con Nomura per chiudere il derivato Alexandria.

Confermata la brutta notizia per i piccoli azionisti, con l’annuncio di Fabrizio Viola, amministratore delegato di Mps, arrivato lo scorso venerdì:

Non siamo in grado di distribuire dividendi

Motivo, il divieto della Bce. Sulla possibilità che si torni a ripagarli entro il 2018, Viola ha ammesso: “se lo consentirà la Bce“. Ma “credo che torneremo a pagarli soltanto una volta risolto il tema dei crediti deteriorati”. Insomma, Viola ammette sul ritorno del dividendo per Mps: “ancora non lo vedo sul mio radar”.

Sull’indice Ftse Mib, Mps sale +1,66% a 1,657 euro.