Mester (FED) apre a aumento tassi superiore alle stime

14 Maggio 2018, di Mariangela Tessa

La Federal Reserve potrebbe dover alzare i tassi di interesse, negli Stati Uniti, ad un ritmo più sostenuto rispetto al previsto, per un certo periodo di tempo, al fine di soddisfare i propri obiettivi di inflazione stabile e bassa disoccupazione.  E’ quanto spiega la presidente della Fed di Cleveland Loretta Mester, membro votante del Fomc, nel testo di un discorso che sarà pronunciato oggi nel corso di un evento a Parigi.

Con una politica fiscale che da restrittiva sta diventando stimolante e con un livello di investimenti in crescita – ha detto – anche l’equilibrio di breve termine dei tassi di interesse sta crescendo“. “Man man che l’espansione continua – si legge nel discorso della governatrice – potrebbe essere che per assicurare il conseguimento dei nostri obiettivi, potremmo dover alzare i tassi di interesse per qualche tempo un po’ oltre il livello che si aspetta sia quello prevalente nel lungo periodo“.

Nel mese di marzo, la Fed ha portato i tassi nella forbice compresa tra l’1,50% e l’1,75%. Allora i governatori hanno indicato la possibilità di due altri rialzi dei tassi ma alla luce dei forti dati sull’occupazione e in presenza di crescenti pressioni sui prezzi, alcuni analisti ritengono probabili quattro rialzi nel corso del 2018.