Macy’s: piano di ristrutturazione da $ 1,5 miliardi, addio a 125 negozi e 2 mila posti

5 Febbraio 2020, di Mariangela Tessa

Nuova “dieta rigida” per Macy’s, storica catena americana della grande distribuzione, che ieri  ha presentato un piano radicale di riduzione dei costi di $ 1,5 miliardi per rilanciare le sue fortune, chiedendo la chiusura di altri 125 negozi nei prossimi tre anni, la sopressione di circa 2.000 posti di lavoro e la chiusura del suo quartier generale a Cincinnati.

Il gruppo prevede inoltre di spostare le sue attività tecnologiche da San Francisco ad Atlanta e New York. La mossa coinvolgerà 831 licenziamenti, secondo il San Francisco Chronicle.

Macy, che gestisce circa 680 grandi magazzini con i marchi Macy’s e Bloomingdale, ha dichiarato che i negozi che verranno chiusi rappresentano un fatturato complessivo di 1,4 miliardi di dollari.