Lavoro UK, disoccupazione ferma. Malgrado Brexit scendono a sorpresa i sussidi

17 Agosto 2016, di Daniele Chicca

Rispetto ai primi tre mesi dell’ann il tasso di disoccupazione è rimasto invariato al 4,9% sui minimi dal terzo trimestre del 2005 nel Regno Unito: questo nonostante le conseguenze della Brexit. Il numero di persone che hanno chiesto un sussidio di disoccupazione è calato a luglio – di -8,6mila unità su base mensile, a quota 764mila – anziché salire come si aspettavano invece gli economisti interpellati da Reuters. L’occupazione è aumentata di 172mila unità su base trimestrale. La percentuale di disoccupati è scesa se si fa il confronto su base annuale.

I dati relativi al secondo trimestre, elaborati con la metodologia dell’ILO, l’Organizzazione Internazionale del Lavoro, mostrano che nel Regno Unito ci sono 8,84 milioni di persone tra i 16 e i 64 anni economicamente inattive, 58mila in meno rispetto al primo trimestre e di 179mila unità sotto alla cifra registrata nello stesso trimestre dell’anno scorso. Gli analisti stimavano per giugno un tasso di disoccupazione in lieve risalita al 5%.